Aquileia valorizza la Pimpa nella Casa d’Artista

Reading Time: 3 minutes

Presentato il progetto da 3 milioni di euro per una moderna agorà e incubatore di energie e progettualità

Condividi
Casa Artista Aquileia

AQUILEIA – “Sorgerà al posto di un ex-asilo di proprietà del Comune di Aquileia, altro luogo deputato alla socialità, che non poteva essere recuperato, sarà un pragmatico incubatore di energie intrinsecamente legato alla cultura e all’arte, e ricoprirà un ruolo fondamentale nel rilancio della zona”.

Ha esordito così questa mattina in sala consigliare il sindaco della città patriarcale, Emanuele Zorino, presentando il progetto della Casa d’Artista: uno spazio civico polivalente che si configura come una moderna agorà, un contenitore creativo di spazi aggregativi ed espositivi, divisibile e trasformabile, capace di ospitare mostre di contenuto reale e virtuale. Una progettazione del valore di oltre 3 milioni di euro, di cui 1,5 milioni già stanziati dalla Regione, messa a sistema grazie al lavoro dell’Ufficio Unico per Aquileia in sinergia con il personale tecnico del Comune.

Nel suo messaggio di saluto, il vicegovernatore e assessore alla cultura del Friuli Venezia Giulia Mario Anzil ha sottolineato come il progetto sia “estremamente suggestivo, perché interpreta bene una visione per il futuro nel campo della cultura, del turismo e del rilancio”.

La Casa d’Artista

Immersa tra i campi in via Sacco e Vanzetti, circondata da aree verdi attrezzate e raggiungibile dal centro cittadino a piedi e in bicicletta, la Casa d’Artista offrirà al visitatore la sensazione di trovarsi in un luogo e in un tempo sospesi.

I rappresentanti dell’RTP aggiudicatario, costituito da Less Srl, MCM Ingegneria srl, Bolognini geologo e Runcio Associati Architettura Ingegneria Urbanistica, nel prendere la parola, hanno delineato il concept del nuovo polo culturale e polifunzionale, sottolineando lo sforzo intrapreso “per cogliere gli aspetti più cari alla comunità di Aquileia, ispirati dalla storia millenaria messa a disposizione con cura ed eleganza”.

Il progetto è partito da una serie di suggestioni: la città, il luogo e la storia. Da parte loro, “un senso di raffinatezza e sobrietà per conservare il patrimonio e un’enfasi alla sostenibilità ambientale, economica e sociale, che si traduce in scelte tecnologiche e progettuali virtuose, a partire dai materiali certificati, e legate all’efficientamento energetico, alla riduzione di emissioni inquinanti e alla razionalizzazione dei consumi e della gestione dell’acqua”.

La Pimpa

La Casa dell’Artista includerà inoltre un’area autonoma ludico-immersiva dedicata a mostre permanenti su “Pimpa”, il personaggio immaginario ideato da Francesco Tullio Altan. Il fumettista aquileiese, presente all’incontro di oggi, ha confermato che sarà parte attiva nella progettazione dei luoghi dedicati all’espressione della sua creatività.

Lo spazio principale della Casa d’Artista potrà essere il foyer, ambiente di sosta e di intrattenimento, luogo dove diverse discipline incontrano la comunità e si relazionano, spazio vetrina, ma anche fucina, di attività culturali.

Nel suo complesso, la Casa d’Artista sarà una location polifunzionale, con ambienti neutri, modulari e flessibili, totalmente personalizzabile a seconda del tipo di evento, grazie alla disponibilità di aree adatte ad ospitare stabili attività ricreative così come eventi culturali temporanei.

“La Casa dell’Artista è un progetto di valorizzazione della cittadina e di rigenerazione urbana – ha concluso Zorino – e si può considerare uno dei più rilevanti in questo momento di rinascita di Aquileia, che ha visto nel periodo del nostro mandato e con la sinergia creatasi fra gli enti un investimento di quasi 40 milioni di euro”.

Visited 14 times, 1 visit(s) today
Condividi