Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Memoria dei caduti. Simbolo della "vittoria"

Liberi libri
08 gennaio 2018

Il "pilo" di Romans

di Elisa Fucina
Tra testimonianza storica e orgoglio di comunità, l'ultimo libro di Edo Calligaris
CONDIVIDI
23033
Liberi libri
08 gennaio 2018 di Elisa Fucina

Testimonianza storica, trait d'union fra passato e presente, simbolo di un'epoca e vessillo di orgoglio di comunità. Tanti sono i pensieri che scorrono nella mente sfogliando le pagine del libro Il "pilo" di Romans. Memoria dei caduti. Simbolo della "vittoria" di Edo Calligaris, edito da Circolo "Mario Fain" e "Gruppo di ricerca I Scussons" di Romans d'Isonzo. Un lavoro di ricerca certosina accurata e documentata nel quale l'autore, non nuovo a questo tipo di impresa, ripercorre le fasi della realizzazione di un monumento iniziato nel 193. Un progetto fortemente voluto dal cavalier Aurelio Colonnello, nato a Romans d'Isonzo ma trasferitosi a Milano, dove aveva fondato con successo le Arti grafiche Italiane "Tergesteo".

Il Pilo, pennone/antenna per la bandiera italiana, ricordo dei compaesani morti durante la Grande Guerra, venne inaugurato nel 1933 e fino al 1960 svettò nella centrale piazza dei Caduti del centro isontino, per essere poi trasferito nel Parco della Rimembranza dove attualmente è collocato.

Storia di comunità, di tradizioni e di ricordi collettivi; fotogrammi di una narrazione di parole e di immagini, che alterna testi da cronista, documenti d'archivio e tante belle foto dove riconoscersi e riconoscere.

Lavoro pregevolmente presentato dalla prefazione di Ferruccio Tassin e dall'introduzione dello stesso autore, con note di apprezzamento dei promotori: Claudia Panteni per "Circolo Fain" e Germano Pupin per "I Scussons". Un racconto scandito da capitoli che hanno la suggestione grafica di titoli di film muti. Alla fine delle 140 pagine di racconto, quasi a sorpresa, dopo l'indice, il dettaglio del "Pilo" che riassume contesto storico e sentimento privato: "Ai caduti per la grandezza d'Italia".

Commenti (0)
Comment