Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Giorgio Celiberti in tv

Cultura e Spettacolo
24 marzo 2017

L'operaio dell'arte

di Elisa Fucina
In onda sulla RAI il documentario sull'artista friulano realizzato dal regista Luigi Vitale. “L’arte è come l’amore: imprevedibile, sorprendente, ingovernabile"
CONDIVIDI
18617
Giorgio Celiberti (ph. Pino Nicoletti)
Cultura e Spettacolo
24 marzo 2017 di Elisa Fucina

Il mondo creativo di Giorgio Celiberti, pittore, scultore, designer sarà protagonista del docufilm del regista Luigi Vitale in onda su RAI 3 FVG domenica 26 alle 10.30, in replica mercoledì 29 alle 21.45 su RAI 3 bis. L'artista, nato a Udine nel 1929 e dagli anni ’40 uno degli artisti più interessanti nel panorama italiano e internazionale, dialogherà nel suo studio con l'amico scrittore Paolo Maurensig, il geografo Mauro Pascolini e la giornalista Margherita Reguitti.

Perno del ritratto per immagini di Vitale la domanda: “Che cosa è l’arte”, alla quale Celiberti risponde: “L’arte è come l’amore: imprevedibile, sorprendente, ingovernabile. Non si sa mai quando l’ispirazione si manifesta”.

Si definisce “un operaio dell’arte”, in costante ricerca di risposte alle grandi domande sul senso e significato della vita e dell’arte, quesiti sui quali i grandi di ogni tempo si sono interrogati. Lavora ogni giorno, legge, sperimenta, si confronta con le opere dei maestri del passato e misurandosi con nuovi linguaggi. Rifugge l’astrazione, le definizioni assertive e la freddezza dei concetti; lascia che siano le opere a parlare. Affida al suo gesto potente, capace di aggredire e domare la materia, la sua risposta.

Commenti (0)
Comment