Trieste Airport, parcheggi a 1 euro per favorire il trasporto pubblico

imagazine_icona

redazione

20 Ottobre 2023
Reading Time: 2 minutes

Drastica riduzione dei costi per promuovere l’uso di mezzi in partenza dal polo intermodale per pendolari e turisti. La sosta di 30 minuti sarà gratuita

Condividi

RONCHI DEI LEGIONARI – Regione FVG e Aeroporto comunicano novità per il sistema parcheggi a supporto dei servizi di trasporto pubblico via treno e bus.

Dal 23 ottobre sarà possibile utilizzare i 1.000 stalli dei parcheggi P8 e P9 a titolo gratuito per 30 minuti di sosta e al costo di un euro entro le 12 ore di sosta nel P8.

Questa drastica riduzione del costo dei parcheggi ha l’obiettivo di stimolare l’uso dei servizi di trasporto pubblico presenti nel polo intermodale dell’aeroporto ed è rivolto a diverse tipologie di utenti, dai pendolari agli accompagnatori, ai turisti che utilizzano l’auto ma vogliono raggiungere i centri urbani regionali con i mezzi pubblici.

Con questa nuova politica tariffaria gli utenti del trasporto pubblico regionale avranno la possibilità di utilizzare un’area di parcheggio con un elevato numero di stalli e adeguati standard di sicurezza per le persone e per le autovetture.

Regione e Aeroporto stanno ricercando le migliori soluzioni di sviluppo del polo intermodale dello scalo attraverso azioni mirate e integrate in un unico sistema di mobilità regionale per garantire alle diverse tipologie di utenti soluzioni diversificate ed economicamente vantaggiose.

Il progetto di sviluppo dell’inter-modalità del Trieste Airport avrà una fase di sperimentazione in cui potranno essere definite modifiche e aggiornamenti, nell’ottica di un costante miglioramento del funzionamento del Centro Intermodale di Mobilità Regionale e in direzione di proporre, alle diverse tipologie di utenti, le più efficaci soluzioni di trasporto.

Per la nostra Regione – afferma l’assessore alle infrastrutture e territorio di Regione FVG l’ingegnere Cristina Amirante – tenuto conto della posizione baricentrica dell’aeroporto, è strategico proporre una soluzione di intermodalità spinta a servizio non solo dei turisti ma soprattutto per gli spostamenti sistematici riducendo l’uso dell’auto privata. Un impegno che grazie alla sinergia con Trieste Airport e degli uffici della Direzione infrastrutture e territorio, che ringrazio, la Regione ha potuto portare avanti e realizzare. Valuteremo dopo un primo periodo i risultati per integrare e migliorare ulteriormente l’offerta”.

Lo sviluppo dell’aeroporto in termini di numero di collegamenti e frequenze dei voli – evidenzia l’amministratore delegato dell’aeroporto regionale, Marco Consalvo – genererà sempre più domanda di mobilità pubblica e dovremo diversificare l’offerta in considerazione delle esigenze delle diverse categorie di utenti. Oltre all’utenza del trasporto aereo, al polo intermodale saranno, quindi, offerti servizi vantaggiosi anche all’utenza che si sposta in auto per prendere il treno o accedere ai sevizi bus”.

 

Condividi