Monfalcone, nuove regole per parcheggiare in ospedale

imagazine_icona

redazione

15 Febbraio 2023
Reading Time: 3 minutes

Gli stalli verranno redistribuiti in tre diverse categorie: sosta libera, sosta con disco orario e sosta per i dipendenti. Aumentano i posti per i disabili

Condividi

MONFALCONE – Dal primo marzo partiranno le nuove regole per il parcheggio dell’ospedale San Polo a Monfalcone.

Nell’area del parcheggio – di proprietà di Asugi (Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina) gestita in concessione dal Comune, con convenzione in fase di rinnovo – gli stalli verranno redistribuiti destinandoli alla sosta libera, sosta con disco orario e sosta per i dipendenti.

La novità principale per gli utenti riguarda l’istituzione della sosta con disco orario per la durata massima di 4 ore nei 195 stalli disposti nella zona antistante l’ingresso dell’ospedale, che sarà attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 7 alle ore 15; 84 posti resteranno per la sosta libera; 17 saranno gli stalli destinati ai disabili (aumentando di 6 unità la disponibilità attuale); 3 parcheggi saranno per la sosta delle donne in gravidanza; 4 per i degenti in dialisi; 2 per i mezzi della Croce Rossa e 2 per i taxi.

Un’altra novità riguarda i dipendenti: l’area retrostante, in prossimità dell’ingresso del Pronto Soccorso, sarà riservata alla sosta del personale in servizio presso la struttura.

Sono in fase di distribuzione i pass, dotati di bollino anticontraffazione e sui quali è riportata la targa del mezzo, per autorizzare la sosta senza limiti di tempo.

Nel corso di una conferenza stampa organizzata questa mattina alla presenza del sindaco di Monfalcone, Anna Maria Cisint, del direttore generale Asugi, Antonio Poggiana, del direttore del Distretto Basso Isontino, Carlo De Vuono, dei tecnici dell’Azienda Sanitaria e dei rappresentanti delle sigle sindacali Cigl, Cisl e Uil, è stato presentato il nuovo piano parcheggi, che prevede una prima fase di sperimentazione.

“Abbiamo completato il percorso di razionalizzazione dell’area riservata alla sosta – ha dichiarato Poggiana – con un progetto pensato per efficientare il parcheggio e renderlo più fruibile per l’utenza. Nei prossimi giorni verranno posizionate le indicazioni per informare i cittadini delle novità. Il personale Asugi ha già ricevuto una nota informativa contenente le indicazioni di massima per la sosta e stanno già arrivando le richieste per il rilascio dei pass”.

“Insieme ad Asugi – ha spiegato il sindaco Cisint – abbiamo coinvolto i sindacati per avviare un progetto quanto più condiviso, in modo da raccogliere le istanze dei lavoratori utili a elaborare un piano parcheggi che risponda alle esigenze degli utenti e del personale, concordando l’avvio della sperimentazione per il 1 marzo, in modo da dare ad Asugi il tempo di distribuire i pass ai dipendenti e ai tecnici del Comune di implementare la segnaletica che verrà installata nei parcheggi e sulle due rotatorie presenti nei pressi dell’ospedale. La sosta resterà gratuita perchè riteniamo molto importante che i parcheggi destinati ai servizi pubblici siano gratuiti. La rotazione dei veicoli si può ottenere anche non gravando sulle tasche dei cittadini, soprattutto se fragili, e la sosta con disco orario ci è sembrata la soluzione migliore per risolvere un problema molto sentito dalla cittadinanza. Inoltre, invito i cittadini che non hanno problemi di deambulazione a utilizzare anche il parcheggio pubblico che si trova nei pressi del complesso del negozio “La Furlana”, che contiene 120 stalli”.

Per le prestazioni che richiedono un tempo maggiore di 4 ore verrà rilasciato dall’Azienda Sanitaria un apposito pass.

Dal 30 aprile sarà poi disponibile anche la zona che attualmente è occupata dalla tensostruttura adibita ai tamponi, ricavando ulteriori 20 stalli circa per i dipendenti.
Nella stessa area sarà valutata la possibilità da parte di Asugi di installare una sbarra con lettura della targa per accedere ai parcheggi dei dipendenti, con telecamere per la videosorveglianza.

Saranno 16 i posti riservati alle emergenze del Pronto Soccorso, con pass che verranno rilasciati in fase di triage.

Verranno razionalizzati anche gli spazi riservati ai mezzi dell’Azienda Sanitaria, ottenendo ulteriori stalli.

Il 20 marzo verrà eseguito un primo monitoraggio per valutare insieme a tutte le parti coinvolte gli effetti del nuovo piano e apportare le eventuali modifiche che si rendessero necessarie.

 

Visited 19 times, 1 visit(s) today
Condividi