Gorizia svela la Sagra di San Rocco

imagazine_icona

redazione

31 Luglio 2023
Reading Time: 3 minutes

Balli, canti, presentazioni di libri, spettacoli e tre tombole animeranno la 52sima edizione dell’evento. Il 6 agosto la Rassegna di arte campanaria

Condividi

GORIZIA – Riparte la tradizionale Sagra di San Rocco a Gorizia con la sua 523esima edizione. Dal 4 al 16 agosto spazio a balli, canti, divertimento nella cornice del Parco Baiamonti, nel cuore del Borgo “dai ufiei” (clicca qui per il programma completo).

A organizzarla il Centro per la Conservazione e valorizzazione delle tradizioni popolari di Borgo San Rocco, con la collaborazione della parrocchia di San Rocco. 

La festa agostana si aprirà venerdì 4 agosto alle ore 19 con l’inaugurazione tradizionale. Come cornice i danzerini del “Santa Gorizia” e la banda filarmonica di Ronchi dei Legionari che eseguiranno danze e marce austro-ungariche. Seguirà il brindisi ben augurale, quest’anno con un “Pignolo” di Rosazzo, il pagamento della tassa sul vino e il taglio del nastro. Nella stessa occasione verrà inaugura la mostra dedicata ai 50 anni di vita del Centro per le Tradizioni, e poi si apriranno ufficialmente i chioschi e la pesca di beneficenza.

Per le giornate della festa il “Centro per le Tradizioni” ha curato anche degli eventi culturali, tra cui cinque conferenze denominate “Incontri sotto l’albero“. Il 5 agosto, primo incontro sotto l’albero, con interviste a Pier Luca Settomini sul suo libro Il segreto di Nicoletta; il 7 agosto Ferruccio Tassin parlerà del libro 1915 Preti internati; l’incontro del 9 agosto avrà per tema “Come degustare un buon vino”, a cura di ONAV; l’11 agosto spazio alle Ricette antiche e tradizionali goriziane con Carlo del Torre e degustazione finale. L’ultimo incontro, il 14 agosto, vedrà protagonisti i Trigeminus con il loro “Far ridere: un dono di natura, una missione e un gran divertimento”.

Il campanile ospiterà, domenica 6 agosto, la 48ma rassegna di arte campanaria denominata “Gara dai Scampanotadors: a partire dalle 16 i campanari sloveni, friulani e goriziani suoneranno il concerto di campane di San Rocco.

Da segnalare, anche, alle ore 19 di mercoledì 9 agosto, il laboratorio di mosaico per bambini a cura di Vanni Aita e, alla stessa ora, “Mattoncini a San Rocco” a cura dell’associazione FVG brick team.  Giovedì 10 agosto alle 16 «MANINE IN PASTA», laboratorio di cucina per ragazzi, in collaborazione con la pasticceria «L’Oca Golosa», su prenotazione. 

Il 16 agosto, giorno di San Rocco, come da tradizione si svolgerà la festa patronale. Dopo la solenne messa cantata verrà consegnato il Premio “Mattone su Mattone”, con il successivo pranzo comunitario sotto il tendone della sagra, su prenotazione.

Saranno tredici giorni ininterrotti di festa, con tre tombole di beneficenza da tremila euro l’una: il 7, l’11 e il 16 agosto.

“Una grande soddisfazione l’avvio dell’edizione 2023 della nostra tradizionale sagra – ricorda il presidente del Centro, Vanni Feresin – che vede impegnati numerosi volontari e volontarie non solo nel periodo estivo ma tutto l’anno, sia per la sagra che per le varie iniziative della nostra realtà. Ormai è un momento tradizionale e atteso da tutta la città e tutto il territorio mandamentale che qui si ritrova per serate di spensieratezza ma anche, come da programma, per approfondimenti enogastronomici e culturali”.

Il programma è stato illustrato dallo stesso Feresin, dal sindaco, Rodolfo Ziberna, da don Nicola Ban, parroco di San Rocco, e da Claudia Ursic del comitato organizzatore.

 

Condividi