Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Utenti provenienti da Trieste

Attualità
13 gennaio 2021

Gorizia, anno da record per il Punto d'Ascolto

a cura della redazione
Servizio gratuito per risolvere quelle problematiche inerenti violazioni di diritto e che la situazione pandemica ha acuito in malessere
CONDIVIDI
37832
(ph. pixabay.com)
Attualità
13 gennaio 2021 della redazione

Nel corso del 2020 il Punto d’Ascolto di Gorizia – progetto in partenariato tra l’associazione di volontariato S.O.S. Abusi Psicologici e il Comune di Gorizia – ha svolto una attività di accoglienza in un crescendo di utenti provenienti anche da Trieste. 

Il Punto d’Ascolto (PdA) è riuscito a garantire una accettazione, anche se talvolta virtuale, anche nel periodo di “lockdown”, offrendo il proprio servizio di assistenza ai lavoratori anche a distanza, con appuntamenti e consulenze telefoniche, riuscendo in tal modo a garantire in “smart working” l’assistenza all’utenza e ancor più ampliando la disponibilità oraria dei colloqui non dovendo spendere il proprio tempo nel raggiungimento della postazione.

Il numero di utenti, per un totale di 64 accoglienze, è composto da 46 donne e 18 uomini, delle quali 14 femmine e 6 maschi reiteranti. Le categorie dei lavoratori in cui si trovano gli utenti provengono in parte dal pubblico impiego: Regione e Comune (11), Scuola e Sanità (8) e in parte dal privato: Industria (13), Commercio (16), Sanità e Scuola privata (4).

urante il periodo di restrizione per Covid-19, le problematiche portate all’attenzione del PdA sono state tantissime, con diverse motivazioni: a) possibilità e richiesta di “lavoro agile” all’azienda e cosa fare in caso di rifiuto; b) come utilizzare tutte le ferie e i permessi maturati di diritto per proteggersi dalla pandemia; c) come rientrare al lavoro superando il mobbing creato dal datore di lavoro o dal proprio responsabile; d) come difendersi dall’obbligo di lavoratore in “smart working” senza attività da svolgere; e) controllo delle lavoratrici in remoto tramite la piattaforma imposta dall'azienda; f) controllo costante ossessionante, con pretesa di riscontri continui via mail (anche con 20 interventi al giorno).

Il PdA è uno strumento che la Regione FVG ha messo a disposizione gratuitamente per tutti i cittadini, per la ricerca di risolvere quelle problematiche che riguardano le violazioni di diritto e che la situazione pandemica ha acuito in malessere, rendendo ancora più evidenti le difficoltà e quei disagi che si manifestano con stati d’ansia sempre più cogenti, che sono in continuo aumento e per i quali il Punto di Ascolto rappresenta una risorsa preziosa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I professionisti che operano all’interno del PdA, un avvocato, un medico del lavoro e uno psicologo, hanno effettuato, nel 2020, 181 colloqui di cui: 117 per consulenze legali, 54 psicologiche, 10 assistenze del medico del lavoro, fornendo aiuto, in anonimato, anche con la parte sindacale.

Il Punto di Ascolto di Gorizia è situato presso il Centro Lenassi in via Vittorio Veneto 7. Questo l’orario d’apertura: martedì 12-17; giovedì 9-17; venerdì 12-17. È possibile accedere anche telefonicamente al numero 0481 383515 e via mail antimobbing.gorizia@gmail.com. Tutte le informazioni specifiche sul punto di ascolto di Gorizia sono sul sito web dedicato

Il team di lavoro è composto dall’operatrice di accoglienza Elvira Sorice, dallo psicologo Paolo Ballaben, dal medico del lavoro Andrea Campanile e dall’avvocato Teresa Dennetta con funzioni di coordinatrice.

"Si tratta di un servizio importante - commenta l'assessore comunale al lavoro, Marilena Bernobich -, che consente alle persone che ritengono di vivere disagi sul lavoro a causa del comportamento di colleghi o superiori di avere un supporto piscologico e legale forte, attuato da professionisti. Oggi, con il condizionamento del Covid 19, assume una valenza ancora maggiore e il Comune continuerà a sostenere questa attività assicurando la disponibilità degli spazi".

Commenti (0)
Comment