Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dal 22 al 25 ottobre

Cultura e Spettacolo
31 luglio 2020

A Gorizia il primo Festival internazionale di danza contemporanea

a cura della redazione
Organizzato assieme a Nova Gorica, l'evento prevede prime nazionali e mondiali
CONDIVIDI
35297
Lo spettacolo LOVE
Cultura e Spettacolo
31 luglio 2020 della redazione

L’idea di un festival transfrontaliero, coltivata da tempo da Artisti Associati, si è fatta più concreta dopo la felice esperienza di NID Platform (la Piattaforma della danza italiana organizzata dall’azienda nel 2017), manifestazione che ha ospitato per quattro giorni a Gorizia e Nova Gorica 20 spettacoli e oltre 400 operatori italiani e internazionali.

Nasce da questo seme VISAVÌ Gorizia Dance Festival, il nuovo progetto di Artisti Associati che ospiterà le novità più interessanti della danza contemporanea e coinvolgerà le istituzioni e la popolazione di Gorizia e Nova Gorica, dal 22 al 25 ottobre prossimi.

Il festival, il cui programma è stato presentato dal direttore artistico Walter Mramor alla presenza dei sostenitori e dei partner del progetto, è caratterizzato da un cartellone innovativo e di respiro internazionale (con rappresentazioni in esclusiva o prima nazionale e tre prime mondiali), dalla creazione di reti e di momenti di incontro fra artisti e operatori internazionali per incentivare la circuitazione delle opere, dal coinvolgimento dei cittadini e delle istituzioni delle due città.

Tra le caratteristiche che principalmente segnano questa nuova ‘avventura’ artistica c’è proprio la partnership con l’SNG di Nova Gorica e il conseguente scambio di conoscenze e pratiche virtuose: gli spettacoli saranno proposti sui palcoscenici di Gorizia (Teatro Verdi) e Nova Gorica (SNG), alimentando la collaborazione delle due città ‘gemelle’ e delle rispettive amministrazioni comunali.

La scelta del nome, VISAVÌ Gorizia Dance Festival, vuole mettere in luce la specificità territoriale del festival e comunicare la sua spinta all’apertura. Il termine Visavì, dal francese vis-à-vis, è utilizzato nel lessico goriziano nell’accezione di “di fronte”. Porta con sé una dimensione di vicinanza, dialogo, scambio che il festival vuole contribuire ad accrescere, grazie al linguaggio universale della danza.

Il programma. Il 22 ottobre al Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Gorizia saranno proposti ‘BEAT’, l’ipnotico lavoro di Igor e Moreno in prima nazionale, e ‘GRACES’, coreografia liberatoria di Silvia Gribaudi; il 23 ottobre all’SNG di Nova Gorica in scena ‘LOVE. PARADISI ARTIFICIALI’ lavoro immaginifico di Davide Valrosso e, di seguito, al Verdi di Gorizia per assaporare il travolgente ‘INSTRUMENT JAM’ di Roberto Zappalà; sabato 24 la prima mondiale del caleidoscopico ‘TOGETHER’ firmato da Petra Hrašćanec all’SNG di Nova Gorica a cui seguirà la prima mondiale di ‘PROFUMO D’ACACIA’ una composizione chimerica di Giovanni Leonarduzzi, al Verdi di Gorizia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 25 ottobre la danza uscirà dai teatri per lanciare un messaggio universale di abbattimento di tutti i confini, fisici e mentali e si sposterà in Piazza Transalpina dove sarà proposto, in esclusiva mondiale con il coordinamento di Arearea, VISAVÌ; poi si tornerà nuovamente al Verdi di Gorizia per seguire un momento poetico firmato da Silvia Gribaudi: ‘MON JOUR!’ #workinprogress – Sharing di residenza artistica. Il festival si concluderà con ‘MANBUHSONA’, la coreografia giocosa di Pablo Girolami in anteprima mondiale al Verdi di Gorizia.

Per info: www.goriziadancefestival.it

Commenti (0)
Comment