Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Oggi la presentazione alla stampa

Attualità
30 giugno 2020

La scienza sceglie Trieste per il primo grande evento post Covid

a cura della redazione
Prenderà il via il prossimo 2 settembre ESOF2020: previste oltre 150 sessioni e 700 partecipanti
CONDIVIDI
34696
Le autorità intervenute alla presentazione (ph. Arc Montenero - Regione FVG)
Attualità
30 giugno 2020 della redazione

Trieste e il Friuli Venezia Giulia sono pronte ad accogliere, in settembre, il primo grande evento di rilievo mondiale dopo la pandemia.

“Esof2020 diviene così un evento emblematico di confronto e di cooperazione e al tempo stesso si configura come un'occasione straordinaria nella quale la comunità scientifica internazionale affronterà pubblicamente il tema Covid-19, mettendo in discussione anche l'apporto che è stata in grado di fornire nei mesi di emergenza, dove le informazioni sulla diffusione e il contrasto al virus diffuse dalla scienza sono state talvolta contradditorie e confuse", ha affermato il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, che, insieme all'assessore regionale alla Ricerca e università Alessia Rosolen e alla presenza del sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, ha preso parte questa mattina alla conferenza stampa di presentazione dell'EuroScience Open Forum - ESOF2020, evento che con oltre 150 sessioni e 700 partecipanti, si svolgerà dal 2 al 6 settembre prossimi a Trieste.

"Anche alla luce di questa esperienza - ha aggiunto Fedriga - Esof2020 rappresenta per il networking di istituzioni scientifiche e d'innovazione del Friuli Venezia Giulia non un mero evento celebrativo, ma un'opportunità preziosa per consolidare ulteriormente i risultati raggiunti nella ricerca teorica e sperimentale e rafforzare il proprio potenziale, sia conoscitivo che operativo, di fronte a emergenze come quelle che abbiamo vissuto e che molti Paesi stanno ancora affrontando".

Commenti (0)
Comment