Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al via un programma di concerti congiunti

Cultura e Spettacolo
10 aprile 2019

Il Conservatorio Tartini suggella le relazioni tra Italia e Serbia

di redazione (fonte Conservatorio Tartini)
L'ambasciata di Belgrado ha incaricato l’istituzione triestina di un progetto musicale per celebrare i 140 anni delle relazioni diplomatiche fra i due Paesi
CONDIVIDI
29203
Console Generale di Serbia a Trieste Ivana Stojiljkovic, prima a destra, durante la presentazione del progetto
Cultura e Spettacolo
10 aprile 2019 di redazione (fonte Conservatorio Tartini)

Al via la celebrazione dei 140 anni delle relazioni diplomatiche fra Italia e Serbia: una ricorrenza che, da Trieste, si appresta a onorare il Conservatorio Giuseppe Tartini, incaricato della cura e organizzazione di un cartellone concertistico dalle Ambasciate di Belgrado (Serbia) e Podgorica (Montenegro).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si tratta di un programma di concerti congiunti in programma fra aprile e giugno 2019, ufficialmente inserito dalle Ambasciate nel cartellone degli eventi chiamati a celebrare i 140 anni delle relazioni diplomatiche italo-serbe. I concerti sono affidati a musicisti italiani, serbi e montenegrini, docenti nelle istituzioni di Alta formazione Musicale dei tre Paesi. Si parte giovedì 11 aprile alle 19 nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura a Belgrado, dove si esibirà un Trio di vere ‘all stars’, con Meri Bojic Radajcic al pianoforte, Ljubisa Jovanovic al flauto e Sergio Lazzeri al fagotto con musiche di Vivaldi, Donizetti e Beethoven, con successiva replica a Podgorica sabato 13 aprile.

La rassegna prevede fino a giugno concerti congiunti con i docenti delle Accademie di Novi Sad, Belgrado e Cetinje e del Conservatorio Tartini: fra i protagonisti anche il pianista Giuseppe Albanese, l’arpista Nicoletta Sanzin e il Duo pianistico Teresa Trevisan-Flavio Zaccaria.

Ma c’è di più: grazie al sostegno della legge di cooperazione culturale Italia-Serbia, il Conservatorio Tartini promuove, in collaborazione con le Accademie di belle arti di Venezia e Belgrado, una suggestiva miscela di animazione e live music performance curata dal Prof. Igor Imhoff di Vivacomix, dedicata alla figura dell’inventore e fisico serbo Nikola Tesla: l’evento sarà proposto giovedì 18 aprile  nella sede dell’Accademia di Belgrado, coinvolgendo  due docenti e due studenti della Accademia di Venezia e la violista Dragana Gajic del Conservatorio Tartini. La performance live ripercorrerà le tappe, il conflitto con Edison, l’avventurosa vita in costante bilico tra scienza e magia, solitudine e inesorabile declino. Intanto, nell’ambito delle partnership fra il Tartini e le istituzioni culturali balcaniche, è già in vista per giugno 2020 il debutto di una coproduzione internazionale con una opera contemporanea basata su una partitura originale dedicata a testi di Galileo.

L’incipit delle celebrazioni per le relazioni diplomatiche fra Italia e Serbia a Trieste ha preso il via al Conservatorio Tartini con il concerto Trieste-Belgrado promosso grazie a LoLa, software ideato e sviluppato dal Tartini per suonare simultaneamente in diverse location. Così la violinista Qerimaj Kloudennas si è esibita nella sala Tartini a Trieste, e contemporaneamente  la pianista Natalija Mladenovic suonava nella grande sala concerti  della Facoltà di Musica della Università di Belgrado.

«Il coinvolgimento del Conservatorio Tartini nel programma di celebrazioni italo-serbe - spiega il Direttore del Tartini Roberto Turrin - è stato annunciato alla presenza del Console Generale di Serbia a Trieste Ivana Stojiljkovic e a Belgrado del Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Davide Scalmani. La vocazione internazionale del Conservatorio di Trieste si è tradotta anche nella costante implementazione degli scambi Erasmus di mobilità per studenti e docenti: grazie alla comune partecipazione Italo- serba al programma Erasmus+K107 per il biennio 2017-19 è stata davvero intensa la mobilità verso le università di Novi Sad e Belgrado, e viceversa: 14 gli studenti e 9 i docenti serbi arrivati finora a Trieste».

Commenti (0)
Comment