Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Campagna “Respira il mare”

Turismo
15 febbraio 2018

Bibione, niente fumo sotto l'ombrellone

di redazione (fonte Ufficio stampa Carter&Bennett)
La località balneare conferma il divieto lungo la battigia e rilancia: patto con i turisti per eliminare le sigarette in spiaggia. Funzionerà?
CONDIVIDI
24034
La spiaggia di Bibione
Turismo
15 febbraio 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa Carter&Bennett)

Per la stagione balneare 2018 la sigaretta continuerà a essere bandita sulla battigia della spiaggia di Bibione, ovvero dalla prima fila di ombrelloni e fino al mare; un divieto valido su tutti gli otto chilometri di spiaggia e che compie sette anni di vita, tra sperimentazione e applicazione in via definitiva.

La novità, invece, riguarda ciò che accadrà sotto l’ombrellone, con una Bibione pronta ad avviare un nuovo ‘esperimento’. Niente divieti, ma un vero e proprio patto con i turisti e l’invito a non fumare: nel rispetto delle persone e del patrimonio verde che circonda la località turistica. Una sfida che sarà sostenuta da una campagna informativa nella località e sensibilizzazione mediatica internazionale, e dall’ottimismo di amministrazione comunale e operatori che hanno già verificato come i turisti possano essere collaborativi.    

In questo modo “Respira il mare” – questo il nome del progetto originario avviato dall’amministrazione in collaborazione con tutti gli operatori e gli enti coinvolti sul territorio – dopo avere fatto guadagnare a Bibione il titolo di prima spiaggia d’Italia libera dal fumo, si rimette in gioco insieme ai suoi ospiti per diffondere una cultura fondata sul rispetto, come spiega Pasqualino Codognotto, sindaco di San Michele al Tagliamento, comune a cui appartiene Bibione: “Siamo stati i primi a vietare il fumo in spiaggia e abbiamo ricevuto molta collaborazione da parte di tutti, fumatori compresi. Perché allora non allargare questa esperienza positiva in un modo spontaneo e non obbligatorio, evitando imposizioni che non fanno piacere a nessuno”.

Nella pratica, e in attesa di scoprire con quali strumenti si inviteranno i turisti a non fumare sotto l’ombrellone, sulla battigia rimarrà attivo il divieto con relative sanzioni. Per accendersi una sigaretta ci saranno comunque i bar all’aperto, che non saranno invece interessati dal provvedimento.

Commenti (0)
Comment