Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Per la terza volta consecutiva

Attualità
05 dicembre 2017

Ospedali in rosa, Trieste al top in Italia

di redazione (fonte Ufficio stampa ASUITS)
L'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata triestina si colloca tra le 72 strutture a livello nazionale per i servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie femminili
CONDIVIDI
22661
(ph. ASUITS)
Attualità
05 dicembre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa ASUITS)

“Una prestazione sanitaria di livello elevato, un’alta competenza specialistica coniugata all’attenzione alla paziente e al suo benessere complessivo, declinata al femminile.” È questa la filosofia con cui il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e presidente della Giuria Walter Ricciardi ha assegnato i premi “Bollini Rosa” promossi da Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna): “Sono un segno concreto – ha affermato Ricciardi – dell’attenzione che medicina, sanità e assistenza rivolgono alle donne cercando di praticare una medicina moderna, consapevole della complessità che la specificità di genere richiede”.

Per la terza volta consecutiva ASUITs riceve 3 Bollini Rosa per il biennio 2018-2019 e si colloca tra le 72 strutture a livello nazionale che ottengono questo riconoscimento; l’attribuzione del massimo riconoscimento avviene per reparti e servizi i quali per la qualità e l’attenzione nella promozione della medicina di genere offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie femminili.

La candidatura degli ospedali si svolge su base nazionale e prende in esame 300 domande suddivise in 16 aree specialistiche ed è posta al vaglio di una commissione multidisciplinare, che valida i bollini conseguiti dagli ospedali nella candidatura, considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza e il risultato ottenuto nelle diverse aree specialistiche presentate.

I percorsi clinici e i servizi per i quali ASUITs ha ottenuto questo riconoscimento comprendono: l’area Cardiologica, centro di riferimento regionale per ipertensione arteriosa e per prevenzione cardiovascolare che ha sviluppato un ambulatorio per problemi cardiaci in gravidanza; la Chirurgia Senologia, che con il Servizio di la Breast Unit attua un modello assistenziale specializzato nell’assistenza della donna con patologia della mammella, con approccio multiprofessionale e multidisciplinare;  l’intero settore dell’ Oncologia Medica, con la sua attività di prevenzione, diagnosi e trattamento della patologia oncologica della mammella e l’ambulatorio di prevenzione melanoma e lesioni cutanee; la Reumatologia, centro di riferimento regionale per la diagnosi e la cura delle malattie reumatologiche rare (Kavasaki, connettiviti, polimiositi, policondriti, fasciti); in campo Neurologico sono presenti in ASUITs percorsi personalizzati di riabilitazione per sclerosi multipla nella donna e supporto psicologico per la coppia, servizi per diagnosi precoce, terapia, e riabilitazione della malattia di Alzheimer; i servizi di Endocrinologia e malattie del metabolismo sviluppano attività per la diagnosi e cura dei disturbi endocrini femminili, oltre che prestazioni di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC); i Servizi di Diabetologia, Dietologia e nutrizione clinica, che raggruppano ambulatori multidisciplinare per prevenzione, diagnosi e cura di diabete, sovrappeso e obesità - Chirurgia dell'obesità: un’area di questo settore è dedicata al monitoraggio delle donne in gravidanza complicate da problemi di sovrappeso e obesità che vengono  prese in cura e seguite anche nel monitoraggio nutrizionale post-gravidanza.

In questa edizione del Bando sono state riconosciute quali situazioni premianti per ASUITs l’area di Geriatria, per l’appropriatezza dei percorsi diagnostico-terapeutici e l’offerta di servizi rivolti all’accoglienza e presa in carico della paziente, (sia in campo di oncogeriatria sul deterioramento cognitivo con comorbosità, sia di ortogeriatria per ricoverati con frattura di femore); sia i servizi di Mediazione culturale offerti dall’ Azienda che l’area di Assistenza sociale.

Un settore specifico che contribuisce al rinnovo del riconoscimento di ASUITs come azienda attenta ai bisogni della donna rimane il servizio erogato alle donne vittima di Violenza sulla donna con la presenza dello Sportello Donna presso il Pronto Soccorso per il supporto psicologico alle donne vittime di violenza.

Infine quest’anno il riconoscimento comprende per la prima volta le attività e servizi erogati dal Servizio psichiatrico di diagnosi e cura e alla collaborazione con gli altri Centri di Salute Mentale che con attività e progetti relativi alla specificità di genere, oltre che alle consulenza psichiatriche presso il pronto soccorso e le altre strutture ospedaliere. Erogano servizi dedicati alla patologia di genere e alla salute della donna.

Sul sito www.bollinirosa.it dall’8 gennaio 2018 sarà possibile consultare le schede degli ospedali premiati, suddivise per regione, con l’elenco dei servizi valutati. Tramite un apposito spazio riservato agli utenti è possibile lasciare un commento sulla base dell’esperienza personale che viene poi condiviso da Onda con gli ospedali interessati.

Come per le precedenti edizioni, anche per il prossimo biennio, grazie a un accordo con Federfarma, le 17mila farmacie distribuite su tutto il territorio nazionale forniranno alla clientela femminile indicazioni per trovare l’ospedale a “misura di donna” più vicino.

La presidente nazionale di Onda Francesca Merzagora, nell’ambito della consegna dei premi ha affermato: “Gli attuali 306 ospedali ‘amici delle donne’ hanno fatto molti passi avanti nell’ambito della medicina di genere e la salute delle donne che sta diventando un punto di attenzione per molte strutture. Onda lavora a fianco di questi ospedali per promuovere un approccio ‘di genere’ nell’offerta dei servizi socio-sanitari, imprescindibile per poter garantire una corretta presa in carico della paziente in tutte le fasi della vita”.

Commenti (0)
Comment