Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Conclusa la decima edizione del festival

Cultura e Spettacolo
07 settembre 2016

A Muggia il futuro è sempre jazz

a cura della redazione
Dopo il successo ottenuto da Ray Gelato e dallo Steve Williams Trio, un progetto per diffondere la cultura musicale nelle scuole
CONDIVIDI
15635
L'esibizione di Ray Gelato e Stefano Franco (ph. Samantha Verchi)
Cultura e Spettacolo
07 settembre 2016 della redazione

Successo anche per l'edizione 2016 del Muggia Jazz Festival organizzato dall'associazione B.B.C. e dal Comune di Muggia, con il sostegno della Samer & Co. Shipping.

Il programma dell'edizione del decennale proponeva concerti in esclusiva, al di fuori dei tradizionali circuiti. Un Teatro Verdi gremito ha accolto le due serate che hanno permesso anche nel 2016 a Muggia di tornare a essere la capitale italiana del jazz. E gli organizzatori sono già al lavoro per la prossima edizione, in programma nel primo fine settimana di settembre 2017.

“Ci stiamo già preparando per la prossima edizione – anticipa il direttore artistico, Stefano Franco – e contiamo di portare in riviera altri big. Il pubblico anche quest'anno ha risposto numeroso e si è dimostrato particolarmente competente. Gli ospiti poi sono entusiasti della bellezza e dell'accoglienza della città. Il nostro speciale ringraziamento va al Commendator Dario Samer e ai suoi figli per il mecenatismo e la sensibilità che ci permettono di tenere alta la qualità delle proposte e al Comune di Muggia, che supporta la nostra associazione nell'organizzazione dell'evento”.

“Dieci edizioni – ha ricordato il sindaco di Muggia, Laura Marzi – rappresentano un anniversario importante per un appuntamento cresciuto di anno in anno e di cui, personalmente, non mi sono mai persa un’edizione. Il Festival ha sempre rappresentato non solo un arricchimento del programma culturale estivo muggesano, ma anche un volano di promozione turistica del territorio, coinvolgendo e convogliando, sotto la bandiera della musica di qualità, un enorme e variegato pubblico proveniente da un territorio che va ben oltre i confini provinciali e da quest’anno contribuirà anche a diffondere la cultura musicale tra i nostri giovani nelle scuole". 

Per offrire continuità alla proposta di musica di qualità della rassegna e sottolineare il divertimento nel praticare questo genere musicale, l'associazione Boogie Bite Corporation proporrà per il prossimo anno scolastico una serie di seminari gratuiti nelle scuole medie inferiori e superiori.

Tornando a quest’edizione, da registrare il successo di sabato per Ray Gelato e il suo quartetto, applauditissimi. Il sassofonista e cantante londinese ha proposto grandi classici dello Swing e dei generi suoi progenitori (il Jumpin' e il Jive) firmati da Louis Jordan e poi brani amatissimi dal pubblico di tutto il mondo di Louis Prima, Fred Buscaglione e Renato Carosone, ma ha omaggiato anche il grande jazz di Count Basie. In apertura Stefano Franco al piano e Franco Valussi al clarinetto hanno proposto tre brani, tra cui The Preacher e The Sceik of Araby.

Grande apprezzamento anche per lo Steve Williams Trio con ospiti speciali Massimo Faraò al piano e Aldo Zunino al basso, autori di una proposta di jazz classico recentemente fermata anche su cd. Ad aprire, il suo piano e tromba costituito da Stefano Franco e Flavio Davanzo.

Commenti (0)
Comment