Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

In favore di donne in difficoltà

Attualità
27 giugno 2013

Una casa per ricominciare a vivere

di Stefano Caso
Stipulata una convenzione tra Provincia di Gorizia, Azienda sanitaria, servizi sociali e associazioni del territorio.
CONDIVIDI
2265
Attualità
27 giugno 2013 di Stefano Caso Image

Alloggi da mettere a disposizione delle donne, con o senza figli, a rischio di violenza fisica, psicologica, se non, addirittura, di morte da parte dei loro mariti o compagni. È quanto prevede la convenzione, deliberata ieri dalla Giunta provinciale, tra la Provincia di Gorizia, i Servizi sociali dei Comuni dell’Alto e del Basso Isontino, l’Ass n. 2 Isontina, le associazioni SOS Rosa e Da donna a DONNA. Una convenzione che, in realtà, è il rinnovo di un precedente accordo in scadenza e che mette a disposizione delle donne nelle condizioni sopraccitate, residenti nei territori dell’Alto e Basso Isontino, un servizio di accoglienza e residenzialità temporanea.

Gli alloggi, per ora, sono due, l’uno messo a disposizione dell’Ater e l’altro dall’associazione “Da donna a DONNA”, anche se è prevista l’aggiunta di un terzo messo a disposizione ancora dall’Ater, sulla basa di una convenzione sottoscritta con la Provincia di Gorizia.

Il servizio garantisce, oltre all’alloggio, un adeguato supporto operativo/organizzativo per l’allontanamento delle donne in questione dal nucleo familiare originario, il successivo affiancamento di operatrici e operatori qualificati e il supporto di una consulenza psicologica e legale. Con l’obiettivo di contribuire alla tutela e alla sicurezza fisica della donna e all’evitare che si ripetano o aggravino le situazioni di violenza.

L’individuazione delle situazioni a rischio dipende dai soggetti che fanno parte della convenzione e l’accesso effettivo al servizio di residenzialità viene stabilito da un’Unità di valutazione multidisciplinare, secondo determinati criteri, quali, ad esempio, la presenza di figli minori, le caratteristiche e l’intensità delle violenze subite dalla donna.

Commenti (0)
Comment