Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Luigi Vitale

Società
12 novembre 2014

"Ascolto i luoghi, lasciandomi stupire"

di Margherita Reguitti
Fotoreporter di respiro internazionale, vive da anni a Gorizia. «Questa è una regione unica e affascinante». E i suoi scatti la faranno scoprire al mondo grazie a un progetto promosso dall’Expo 2015.
CONDIVIDI
7693
Luigi Vitale
Società
12 novembre 2014 di Margherita Reguitti Image

Si intitola “Discover the other Italy” la mostra fotografica patrocinata dall’Expo 2015, dall’Ente Nazionale Italiano Turismo e dal Fondo Ambientale Italiano che, nei prossimi mesi, presenterà nel mondo gli scatti dei migliori fotografi italiani chiamati a raccontare le bellezze del Paese, che la rete mostra in anteprima sul sito www.discovertheotheritaly.com.

Per rappresentare il Friuli Venezia Giulia è stato scelto Luigi Vitale, fotoreporter di respiro internazionale, goriziano d’adozione, da anni impegnato nella promozione della nostra regione.

Luigi, come ha scelto i luoghi per lei più rappresentativi?

«Guardando con gli occhi e la mente di un bambino. Lasciandomi stupire, non dando nulla per scontato, ma anche seguendo le mie regole del mestiere di fotoreporter: vivere i luoghi cercando di capirli».

Cosa intende per vivere un luogo?

«È un processo complesso che presuppone di entrare nel suolo e nell’atmosfera dei luoghi, non esercitando un senso critico ma semplicemente sforzandosi di capire senza preclusioni. Annullando il senso di critica verso le persone e i luoghi, si entra in contatto e si comprende ciò che poi diventa l’opera, la fotografia unica che racconta».

Nella mostra ogni fotografo ha presentato 10 fotografie, qual è il fil rouge che lega le sue?

«La mia filosofia nel lavoro è di evitare lo scontato. Ho quindi prima fatto un accurato lavoro di ricerca per individuare i luoghi e le sensazioni che mi rimandano, i particolari della vita delle persone che vi abitano in stretto rapporto con i segni architettonici che li caratterizzano. Ho poi costruito un percorso non didascalico ma di segni che diano il senso della vita presente e passata, legata a architetture e tradizioni, storia e cultura. Ho così scelto di rappresentare il matrimonio carsico, punto di intreccio con i costumi sloveni e balcanici, i mosaici di Aquileia, segni di bellezza duratura dei secoli e il presente vivo nell’attività dei maestri di Spilimbergo. L’arte della scenografia teatrale del Verdi di Trieste e il contemporaneo intrecciato allo spirito della Mitteleuropa a Palazzo Lantieri di Gorizia dove Pistoletto ha rappresentato con un’opera la sua idea di Europa. I gioielli del Tempietto longobardo di Cividale e la bellezza di pietra e mare del Castello di Miramare. Un posto di rilievo nel rappresentare questa regione è stato affidato al patrimonio enogastronomico che è il nucleo pulsante dell’Expo 2015. Ecco che in mostra vi sono le colline dell’Abbazia di Rosazzo e le sue vigne che producono i bianchi fra i migliori al mondo e i formaggi stagionati nelle grotte carsiche triestine».

Nell’evoluzione digitale la fotografia mantiene ancora una sua forza di linguaggio?

«Certamente, e chi dice che è morta sotto i colpi del digitale sbaglia. Nell’ultimo decennio, i committenti hanno imparato ad accontentarsi per ragioni di risparmio, questo ha impoverito il mondo professionale anche culturalmente. Ne consegue che la fotografia professionale è sommersa da una produzione spropositata di scatti fotografici dilettantistici realizzati con strumenti che sono alla portata di tutti e consentono di riprodurre in modo accettabile ciò che tutti possono vedere, con un risultato deciso dalla macchina. Il lavoro dei grandi professionisti non è legato al tipo di mezzo o supporto utilizzato, sia esso pellicola o fi le digitale, ma alle idee e all’essere visionari. La fotografia rimarrà così una forma d’arte che continuerà a esistere nel tempo».

In che rapporto sono i fotografi e i video-artisti?

«Stretti parenti direi: il secondo, per alcuni, è un passaggio naturale. Io ho deciso di dare movimento ai miei scatti, scegliendo arte e scienza come campo di azione. Oggi con l’evoluzione della tecnologia l’artista può essere protagonista di ogni fase di lavorazione: dalle riprese al montaggio fino alla post produzione, con dominio completo del lavoro. Recentemente sono stato regista e produttore di diversi cortometraggi fra i quali “Livio Felluga 100” (realizzato per il centenario del Patriarca dell’enologia friulana, che racconta “Vigne Museum”, opera dell’architetto Yona Friedman e dell’artista Jean Baptist Decavéle) e “Gente di Gagliato”, video reportage sul progetto dello scienziato friulano Mauro Ferrari e della moglie Paola che ogni estate in un piccolo centro dalla Calabria fanno incontrare premi Nobel, ricercatori, medici e artisti di tutto il mondo».

Ci sono già altri progetti in cantiere dopo Expo 2015?

«Sto lavorando a una grande mostra che prosegue nel mio personale cammino di ricerca e valorizzazione di questa regione. Con video e fotografi e voglio raccontare paesaggi, città e complessi industriali attraverso le donne e gli uomini che hanno fatto e continuano a fare del Friuli Venezia Giulia una regione unica e affascinante».

 

Una carriera lunga 25 anni

Luigi Vitale è nato in Sicilia ma vive a Gorizia e negli ultimi anni ha rivolto il suo obiettivo principalmente sul Friuli Venezia Giulia, realizzando tre libri fotografici: “Friuli Venezia Giulia – Viaggio nella terra dell’Oro” (2007), “Friuli Venezia Giulia – Artisti e Artigiani nella terra dell’Oro” (2008), “Friuli Venezia Giulia – Uomini, Lavoro, Industria” (2010). Tra le mostre personali più importanti: “Tracce No Global tra Oriente e Nuovo Mondo”, nell’ambito del Premio Terzani di Udine, e “Industrial Design” al Museo Ugo Carà di Muggia. Nel 2011 ha partecipato alla Biennale di Venezia con l’opera “Silenzi e Oblii”, dedicata alle atmosfere dell’archeologia industriale. In 25 anni di carriera ha realizzato centinaia di reportage pubblicati su testate italiane e straniere in oltre 50 Paesi nel mondo.

Fotografo pubblicitario e ritrattista, ha realizzato reportage industriali e dedicati a temi sociali quali la pazzia, l’acqua, i trapianti e l’industria degli incendi. È stato scelto per rappresentare il FVG nella mostra “Discover the other Italy”, patrocinata dall’Expo 2015, ENIT e FAI.

Commenti (0)
Comment