Turismo rurale, da Grado nuove prospettive

imagazine margherita reguitti

Margherita Reguitti

24 Luglio 2023
Reading Time: 4 minutes

Valorizzare le risorse ambientali, culturali, archeologiche e paesaggistiche attraverso percorsi cicabili e progettualità delle aziende agricole: investiti 3 milioni di euro

Condividi

GRADO – La strategia di Cooperazione per lo sviluppo territoriale “Mar e Tiaris” ha ufficialmente presentato il suo logo, realizzato dalla Società di Comunicazione PIRENE SRL, frutto di un risultato significativo e prezioso, ottenuto attraverso un percorso collaborativo e una scelta condivisa all’interno del partenariato. Il progetto, guidato dal Comune di Grado, mira a valorizzare le due principali peculiarità del territorio: la ruralità con la sua tradizione e professionalità agricola e l’offerta turistica, culturale, storica, naturalistica ed enogastronomica. Il Comune di Grado è capofila e coinvolge i Comuni di Aquileia, Terzo di Aquileia, Cervignano del Friuli, Fiumicello Villa Vicentina, Ruda, Turriaco, San Canzian d’Isonzo e Staranzano. Il logo vuole essere un simbolo di unità all’interno del partenariato e sarà utilizzato con orgoglio per rappresentare la visione condivisa e i valori comuni in tutte le attività future.

Alla conferenza stampa di presentazione, svoltasi presso il Centro Visite della RNR Valle Cavanata a Fossalon di Grado, hanno partecipato, tra gli altri, il Sindaco di Grado, Claudio Kovatsch, Francesca Trapani, Project manager Strategia Mar e Tiaris – tecnico del Comune di Grado, Giovanni Dean, supporto e gestione alla Strategia – Confcooperative FVG, il Presidente del consorzio Grado Turismo, Thomas Soyer, e l’Assessore Regionale alle Risorse agroalimentari, forestali e ittiche, Stefano Zannier.

La strategia di Cooperazione per lo sviluppo territoriale “Mar e Tiaris” guarda al futuro con ottimismo e, nell’occasione, è stato annunciato un evento itinerante previsto dal 14 al 17 settembre, l’opportunità per avvicinare la cittadinanza e non solo a questo progetto.

“Oggi – ha affermato il sindaco di Grado, Claudio Kovatsch – è stato fatto un importante passo avanti nella strategia di sviluppo territoriale Mar e Tiaris. È stato ufficialmente svelato il logo, un simbolo tangibile dei valori condivisi che guidano questa iniziativa collaborativa. Siamo fiduciosi che Mar e Tiaris sia la chiave per unire le nostre eccellenze, creare nuove opportunità turistiche e promuovere uno sviluppo sostenibile. Grazie a tutte le parti coinvolte per il sostegno e la partecipazione. Insieme, possiamo raggiungere traguardi straordinari e costruire un futuro di successo per noi e le generazioni a venire”.

“Sta entrando nella sua fase conclusiva la strategia ‘Mar e Tiaris’, il partenariato pubblico-privato che dal 2016 raggruppa ben 76 diversi soggetti impegnati a realizzare progetti di valorizzazione del territorio rurale per quasi 3 milioni di euro. Si tratta di una iniziativa che nasce dal Programma di sviluppo rurale, una misura particolarmente innovativa ma anche molto complessa per i suoi meccanismi di attuazione. Le attività svolta dai privati e dagli enti pubblici scontano infatti tempistiche differenti, ma grazie a una solida visione comune stiamo finalmente affrontando l’ultimo tratto di strada. La messa a terra di questo articolato programma, con le conseguenti attività di promozione, finirà per portare vantaggi considerevoli a questa area del Friuli Venezia Giulia”, ha aggiunto l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari, forestali e ittiche, Stefano Zannier.

“Il marchio del territorio per i prodotti agricoli – ha sottolineato il presidente del consorzio Grado Turismo, Thomas Soyer – può essere un potente strumento di marketing turistico. Grazie a un marchio del territorio ben definito, gli alberghi e i ristoranti possono promuovere i prodotti locali come caratteristica distintiva del loro menu, che si traduce in un aumento delle prenotazioni e della reputazione degli esercizi commerciali. I produttori locali trarranno vantaggio dall’adesione a un marchio del territorio. La collaborazione con altre aziende locali e l’uso di un marchio comune aumenterà la visibilità dei loro prodotti e consentirà loro di competere in modo più efficace sui mercati regionali. Inoltre, grazie alla promozione turistica generata dal marchio del territorio, i produttori potranno accedere a nuovi canali di distribuzione, inclusi hotel e ristoranti della zona, portando a un incremento delle vendite”.

“La Strategia Mar e Tiaris – hanno concluso Francesca Trapani, project manager Strategia Mar e Tiaris, tecnico del Comune di Grado, e Giovanni Dean, supporto e gestione alla Strategia di  Confcooperative FVG – intende valorizzare le due maggiori tipicità del territorio: la ruralità, con la sua tradizione e professionalità agricola, e l’offerta turistica, culturale, storica, naturalistica ed enogastronomica. La creazione di una rete tra il mondo agricolo dell’intero territorio e le strutture ricettive/ristorative è il fulcro della strategia ma anche la maggiore sfida che ci aspetta. La fruizione del territorio e delle ricchezze storiche, paesaggistiche ed enogastronomiche si svilupperà lungo una rete di percorsi ciclabili che utilizzano le strade bianche, secondarie ed interpoderali e che collegheranno le due dorsali Nord-Sud (ciclovia Alpe Adria) ed Est-Ovest (ciclovia Adriatica). I percorsi esperienziali slow saranno tematizzati con punti informativi di sosta in appositi luoghi di connessione. Conoscenza dei luoghi, qualità della vita, rispetto dell’ambiente, valorizzazione delle peculiarità identitarie del territorio di Mar e Tiaris sono obiettivi che promuoveremo d’ora in poi coinvolgendo l’intero partenariato e il logo che oggi presenteremo ci identificherà nelle azioni e negli eventi che comunicheremo in un calendario annuale che troverete sempre aggiornato sul geoportale e sui social e nell’evento itinerante annuale”.

 

Visited 41 times, 1 visit(s) today
Condividi