Rischio alluvione, Protezione civile al lavoro in sinergia

imagazine livio nonis

Livio Nonis

11 Febbraio 2023
Reading Time: 2 minutes

Incontro interdistrettuale con volontari dei gruppi della Destra Torre e dell’Isontino, chiamati a operare insieme in caso di emergenze idrauliche

Condividi

AIELLO DEL FRIULI – Si è svolta un’esercitazione “Interdistrettuale 2023” della Protezione Civile. Il tema generale è stato quello relativo a uno stato di emergenza per un rischio alluvionale con attivazione dei gruppi comunali del Distretto Destra Torre (Aiello del Friuli, Campolongo Tapogliano, Ruda, San Vito al Torre e Visco) e Distretto Friuli Isontino (Romans d’Isonzo, Capriva del Friuli, Farra d’Isonzo, Villesse) in comune di Aiello del Friuli, con la supervisione dei funzionari della Protezione Civile Regionale.

In concomitanza di tali eventi le squadre comunali dei due Distretti di Protezione Civile possono essere allertate e chiamate a intervenire per l’eventuale gestione di problematiche di tipo idraulico che possono interessare proprietà pubbliche e private nel territorio comunale, attività che comportano necessariamente adeguate capacità ad operare in tali scenari e con la dovuta conoscenza dei dispositivi di protezione individuale e delle procedure da adottare.

Lo scopo innanzitutto è stato di verificare lo stato di efficienza tecnica e la compatibilità delle diverse attrezzature in dotazione alle squadre comunali interessate in funzione di un utilizzo in situazioni di emergenza; sperimentare l’utilizzo delle attrezzature informatiche messe a disposizione dalla Direzione Regionale di Protezione Civile (telefoni cellulari con fotocamera, macchine fotografiche digitali, computer e stampanti); verificare le procedure operative per l’approntamento dei mezzi e delle attrezzature da usare; infine la verifica delle procedure di utilizzo in sicurezza delle dotazioni e delle motopompe.

La finalità era quella di testare la capacità dei gruppi comunali di coordinarsi e lavorare efficientemente in sinergia, anche con la Sala Operativa Regionale, per mettere in sicurezza ambienti allagati di piccole dimensioni, gestendo efficacemente le risorse disponibili, con l’obiettivo di testare il modello di intervento, di aggiornare e unificare le conoscenze delle procedure operative e l’adeguatezza delle risorse e delle attrezzature, nonché al corretto utilizzo dei diversi DPI in uso ai volontari per tale tipologia di scenario.

Sabato 4 febbraio presso la biblioteca di Romans d’Isonzo si era svolto l’incontro operativo di presentazione e di coordinamento, oggi, nel comune di Aiello, presso il centro residenziale “La Sisile” c’è stato il momento operativo nel quale è stato simulato l’allagamento di cinque cantine di un condominio.

Dapprima c’è stato il sopralluogo dello scenario da parte dei capisquadra e la delimitazione delle aree oggetto delle esercitazioni per impedirne interferenze; successivamente l’allestimento dei cantieri di lavoro in sicurezza e l’inizio dell’attività di svuotamento delle “cantine”.

Una mattinata intensa, i volontari dei due distretti hanno lavorato alacremente e in simbiosi, frutto della grande preparazione e professionalità, un’operazione che ha dato ancor di più competenze a tutti gli operatori.

 

Visited 9 times, 1 visit(s) today
Condividi