Patto per il digitale, nuove proposte da Cervignano

imagazine livio nonis

Livio Nonis

1 Dicembre 2023
Reading Time: 2 minutes

Analizzato il rapporto tra famiglie, ragazzi e nuove tecnologie. Importante definire regole chiare e condivise tra genitori, figli ed educatori

Condividi

CERVIGNANO DEL FRIULI – Un incontro atteso non solo dalla Comunità Pastorale Bassa Friulana ma anche da tutta la popolazione del cervignanese in quanto l’argomento con il titolo emblematico “Patto digitale tra famiglie, sì al digitale, ma nei tempi giusti” è stato di grande interesse.

In Sala Aurora erano presenti un centinaio di persone, mentre altre erano collegate da remoto in streaming.

A fare gli onori di casa il parroco don Sinuhe Marotta, affiancato da don Manuel Millo e, per l’amministrazione comunale, il consigliere Carlo Ballarin.

Il gruppo “Noi Generativo che ha organizzato l’evento si è affidato all’associazione MEC (Media Educazione Comunità) che ha evidenziato le cinque regole suggerite ai genitori affinché i figli possano utilizzare, in modo corretto, i dispositivi di comunicazione.

“Mio figlio insiste, dice che tutti gli amici li usano già… cosa devo fare? Qual è l’età giusta per lo smartphone? E per i videogame? E se ci alleiamo tra genitori per dare regole comuni e guidare i nostri figli a usare in sicurezza i dispositivi digitali?”. A queste e ad altre domande ha cercato di dare delle risposte Dora Tubaro, referente del MEC, che ha spiegato come gli strumenti digitali e in particolare lo smartphone possano influenzare il percorso evolutivo dei bambini e dei ragazzi.

Ha sottolineato quanto sia importante che i bambini vengano accompagnati gradualmente all’utilizzo dei dispositivi (“prendiamo il meglio e lasciamo stare il peggio della tecnologia”).

Ha infine sottolineato l’importanza che la comunità educante fornisca ai ragazzi regole chiare e condivise e che tra genitori, figli ed educatori venga siglato un patto che consenta di gestire l’utilizzo dello smartphone in modo univoco.

Il tutto si è concluso con un momento conviviale al RikStoro, il luogo di incontro culturale del Ricreatorio San Michele che verrà inaugurato sabato 16 dicembre alle 16.30.

 

Condividi