Monfalcone onora la memoria di Norma Cossetto

imagazine livio nonis

Livio Nonis

6 Ottobre 2022
Reading Time: 2 minutes

Cerimonia presso il Monumento ai Caduti

Condividi

Si è svolta presso il Monumento ai Caduti di via Fratelli Rosselli a Monfalcone la cerimonia intitolata “Una rosa per Norma, una scelta d'amore” in occasione della ricorrenza del martirio di Norma Cossetto, seviziata e gettata nella foiba di Villa Surini, tra il 4 e il 5 ottobre 1943, presso Antignana.

Per iniziativa del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, nel 2005 è stata conferita a Norma Cossetto la Medaglia d’Oro al merito civile alla memoria con la seguente motivazione: “Giovane studentessa istriana, catturata e imprigionata dai partigiani slavi, veniva lungamente seviziata e violentata dai suoi carcerieri e poi barbaramente gettata in una Foiba”.

Nel corso della cerimonia ha preso la parola il sindaco di Monfalcone, Anna Maria Cisint, e successivamente, la neoeletta senatrice Francesca Tubetti.

Alla fine della cerimonia un associato dell'International Police Association di Monfalcone, Massimo Pian, ha letto la poesia scritta dal segretario del Comitato IPA, Pierpaolo Freschi, “Ricorderò quel sorriso” dedicata alla memoria di Norma Cossetto che è stata letta, oltre che a Monfalcone, in piazza Vittoria a Reggio Emilia e a Trieste, presso la via intitolata alla giovane martire.

 

“Ricorderò quel sorriso”
dedicata alla memoria di “Norma Cossetto”

 

Ricorderò quel sorriso
tra le pagine dei ricordi
nell'immensità di un dolore
che ritorna di continuo

scorreva il tempo
quello della spensierata fanciullezza
quello degli studi e l'amore per la tua terra
che sporcava le mani di rosso

l'illusione di una vita
infranta dalla devastante fobia di una guerra
e gli orchi delle tenebre
usciti dal limbo come magma

ricorderò per sempre quell'ottobre del 43'
il tuo golfino di lana tirolese e la tua paura
mentre i vili ti strappavano la vita
dopo aver offeso impunemente la tua carne

l'hanno rapito quel sorriso
ma non possono cancellare la memoria
l'Istria rossa di cui eri innamorata
veglia sulla tua anima

e su tutte le “Norma” di quella terra

 

Condividi