Karate, nuove medaglie per i campioncini di Strassoldo

imagazine_icona

redazione

18 Marzo 2022
Reading Time: 2 minutes
Condividi

Gran Premio Giovanissimi Fijlkam

Condividi

Gli atleti dell’Asd Karate Strassoldo guidati da Michael Zamaro, sono ritornati sul tatami per la prima gara dell’anno targata FIJLKAM.

Lo hanno fatto in grande stile e nel segno di una nuova luce. Proprio quella luce che filtrando dalle altre vetrate del palazzetto di Pravisdomini, che domenica 13 marzo ha ospitato il Gran Premio Giovanissimi Fijlkam, ha letteralmente illuminato il nuovo anno sportivo e infuso fiducia e speranza ai protagonisti.

Un successo sotto ogni punto di vista. In primis, numerico e tecnico, ma anche organizzativo. Se tutto è filato liscio, è perché l’organizzazione è stata impeccabile. Attuando tutti i protocolli del caso, è stato consentito a ogni atleta e a ogni tecnico accompagnatore di vivere una giornata di sport in totale sicurezza.

La gara, che ha accolto più di 150 atleti provenienti dai sodalizi sportivi friulani e del vicino veneto, prevedeva una divisione dei partecipanti nelle varie categorie samurai, fanciulli e ragazzi, mettendosi alla prova in una serie di percorsi e di gare ludico-motorie orientate a mettere in risalto le capacità fisiche e coordinative, tra slalom, capovolte, balzi, andature e salti.

Tra le prove, tutte propedeutiche alla pratica sportiva, rientravano la prova del kata (forme) e la prova simulatoria del kumite (combattimento) volto ad evidenziare le abilità tecniche di calci e pugni.

Con i suoi 22 allievi in gara, l’Asd Karate Strassoldo attiva nella sede omonima e a Bicinicco, è salita sul podio 44 volte, conquistando 21 ori, 9 argenti e 14 bronzi. Tra questi, sono emersi in particolare i gemelli Pietro e Bruno Vecchiet, classe 2016, nel loro debutto hanno conquistato 4 podi nelle diverse specialità.

“Ogni allievo – spiega Zamaro – con le sue performance ha evidenziato la voglia di recuperare terreno, il tempo perduto, di mettersi nuovamente in gioco lasciandosi alle spalle il periodo più buio. Questa prima gara del 2022, ha rappresentato per i nostri karateka l’occasione per dare testimonianza delle loro abilità e delle loro emozioni, frutto di lunghi mesi di dedizione e impegno. Una giornata di sano sport, sana competizione e di una normalità quasi del tutto ritrovata”.

 

Visited 9 times, 1 visit(s) today