Da Udine a Budapest: il sogno di Tara Dragaš

Reading Time: 2 minutes

La ginnasta friulana vestirà la maglia azzurra
all’Europeo di Ritmica. Giovedì l’esordio come prima italiana senior

Condividi
Tara Dragas (© Luca Agati)

Tara Dragas (© Luca Agati)

UDINE – Dopo le coppe del mondo di Baku e Portimão, per Tara Dragaš è arrivata anche la convocazione al 40° Campionato Europeo di Ginnastica Ritmica.

L’atleta dell’ASU – Associazione Sportiva Udinese, in queste ore, è in viaggio assieme alla responsabile della sezione ritmica, Magda Pigano, e a tutta la delegazione azzurra, per raggiungere Budapest, dove, dal 22 al 26 maggio, è in programma la competizione.

La 17enne friulana scenderà in pedana con il cerchio accanto alle altre due individualiste azzurre Sofia Raffaeli e Milena Baldassarri: il programma individuale si aprirà il 22 maggio con le qualificazioni junior; proseguirà il 23 maggio con le qualifiche all around senior a cerchio e palla, per continuare poi con clavette e nastro il 24 maggio, valide sia per l’accesso alla finale all around, sia per le specialità.

La ginnasta bianconera si esibirà giovedì attorno alle 11.40 come prima italiana senior.

Nelle ore in cui Tara sta raggiungendo la capitalo ungherese, la mamma-coach, Śpela Dragaš è a Udine a fare il tifo per lei.

«Sono molto contenta – le sue parole – che Tara stia ricevendo l’attenzione della Federazione che, dopo averla convocata per due coppe del mondo, ora l’ha chiamata per l’Europeo, dove sarà la più giovane fra le azzurre senior. Partecipare a una competizione di questo valore al fianco di due atlete del calibro di Raffaelli e Baldassarri, oltre che della squadra azzurra, è senz’altro un onore per lei, ma anche una responsabilità. Il suo obiettivo sarà innanzitutto fare al meglio delle sue capacita l’esercizio, senza commettere errori, avvicinandosi alla finale e soprattutto contribuendo il più possibile, in termini di punti, alla gara di team, dove l’Italia ha buone possibilità, combattendo contro Israele, Bulgaria, Germania e Ucraina».

Da parte della società, oltre a un grosso in bocca al lupo, arriva l’auspicio del presidente, Alessandro Nutta: «Spero che affrontando con continuità queste gare di altissimo livello si abitui a gestire la pressione che inevitabilmente queste manifestazioni comportano. Sappiamo che ce la metterà tutta, noi facciamo tutti il tifo per lei».

L’Europeo si concluderà il 26 maggio con le finali di specialità sia per le individualiste sia per i gruppi senior. Tutto l’evento sarà disponibile su Rai Play (con alcune finestre su Rai Sport).

Visited 63 times, 1 visit(s) today
Condividi