Da Aiello a Medea, ecco come cambiano le messe

imagazine livio nonis

Livio Nonis

18 Maggio 2020
Reading Time: 2 minutes

Nuove disposizioni in vigore da oggi

Condividi

Viste le nuove disposizioni pervenute per combattere il Coronavirus e visto l'accordo tra i Governo Italiano e la CEI (Conferenza Epistolare Italiana), sono entrate in vigore oggi le nuove regole per la celebrazione delle messe con la partecipazione dei fedeli.

Il parroco della Comunità Pastorale Campanili Riuniti, don Federico Basso, che include le comunità di Aiello del Friuli, Joannis, Nogaredo al Torre, San Vito al Torre, Chiopris, Viscone e Medea, ha lanciato un suo video-messaggio al fine di informare tutte le comunità su come ci si deve comportare prima, durante e dopo la celebrazione eucaristica.

“Innanzitutto durante le funzioni religiose – spiega don Federico – si dovrà indossare obbligatoriamente la mascherina: naso e bocca devono essere coperti. Nell'entrare e uscire dalla chiesa non si dovrà fare assembramento, alla fine della funzione si dovrà andare a casa rispettando un metro e mezzo di distanza tra le persone. Entrando in chiesa, dei volontari saranno incaricati di fornire le opportune disposizioni per i posti da occupare nei banchi. La capienza per ogni chiesa è stata quantificata: quando si raggiungerà il numero massimo non si potrà più entrare nell'edificio. Sono le disposizioni tassative alle quali non si può transigere”.

Ecco i numeri dei posti a sedere (non si può stare in piedi) nelle diverse chiese: nella chiesa di Sant'Ulderico ad Aiello 50 posti, nella chiesa di Sant'Agnese a Joannis 38, nella chiesa Parrocchiale di Medea 34, nella chiesa di Sant'Antonio sul colle di Medea 30, nella Cappella dell'Immacolata di Medea 14 (queste due ultime chiese di Medea, per le prime settimane non saranno utilizzate), nella chiesa di San Michele a Chiopris 33 posti, nella chiesa di San Zenone a Viscone 26, nella chiesa della Madonna di Strada a Viscone 20 (anche questa chiesa nelle prime settimane non sarà utilizzata), nella chiesa di San Vito al Torre dedicata a San Vito 27, infine nella chiesa di Sant'Andrea a Nogaredo 18 posti. 

Al termine della funzione religiosa saranno sanificati i banchi e tutto l'emiciclo. Le messe inizieranno sabato 23 e continueranno con gli orari prestabiliti prima della pandemia, la messa settimanale inizierà il 25 (con i soliti orari). All'interno degli edifici non saranno presenti i volantini parrocchiali e i libretti dei canti, sono previste durante la settimana celebrazioni delle messe all'aperto.

Non si potrà entrare nelle chiese se si hanno sintomi influenzali o con la temperatura corporea superiore a 37,5 gradi, e non potranno entrare coloro che hanno avuto contatti con persone positive al coronavirus.

Per chi non potrà accedere alle chiese, c’è sempre la possibilità di seguire le messe in streaming, collegandosi tramite facebook al sito della Comunità Parrocchiale Campanili Riuniti.

Visited 8 times, 1 visit(s) today
Condividi