Cosimo Urgesi presidente della Società Italiana di Psicofisiologia e Neuroscienze Cognitive

imagazine_icona

redazione

15 Novembre 2023
Reading Time: 2 minutes

Prestigioso riconoscimento per il professore associato dell’Università di Udine

Condividi

UDINE – Cosimo Urgesi, professore associato di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione dell’Università di Udine, sarà il nuovo presidente della Società Italiana di Psicofisiologia e Neuroscienze Cognitive (SIPF), una delle principali organizzazioni nazionali che raccoglie studiosi delle funzioni cerebrali umane provenienti da diverse discipline.

Urgesi è membro del Laboratorio di Neuroscienze Cognitive del Dipartimento di Lingue e Letterature, Comunicazione, Formazione e Società (DILL) dell’Università di Udine e responsabile del Laboratorio di Neuropsicologia dello Sviluppo presso la sede di Pasian di Prato dell’IRCCS Eugenio Medea – Associazione La Nostra Famiglia.

Urgesi è stato eletto nel corso dell’ultimo congresso annuale tenutosi la scorsa settimana a Siena. Presiederà la Società nel biennio 2025-2027 e farà parte del consiglio direttivo SIPF nei bienni precedente e successivo, prima come presidente eletto e poi come past president.

Un incarico prestigioso per Urgesi e un riconoscimento per l’Università di Udine e l’attività di ricerca del Laboratorio di Neuroscienze Cognitive, guidato, insieme a Urgesi, dai professori Andrea Marini e Cristiano Crescentini. L’attività di ricerca del gruppo è finalizzata allo studio delle basi neurali dei fenomeni cognitivi complessi e delle loro alterazioni in pazienti neurologici e psichiatrici. I ricercatori del Laboratorio svolgono attività di ricerca e didattica nell’ambito della Formazione del DILL, interrogandosi sulle implicazioni che le conoscenze di neuroscienze hanno per l’educazione.

Su questo tema era incentrato lo scorso XXX Congresso nazionale SIPF, che si è tenuto proprio a Udine a settembre 2022, e che aveva come tema lo sviluppo del cervello (The Developing Brain), a sottolineare l’interesse della SIPF e delle neuroscienze cognitive, in generale, per lo studio del cambiamento del funzionamento neurocognitivo nell’arco di vita.

La SIPF, infatti, promuove, dalla sua fondazione nel 1990, la crescita e la diffusione della psicofisiologia e delle neuroscienze tra i giovani ricercatori e favorisce l’integrazione tra studiosi di discipline diverse nell’ambito dello studio del cervello e del comportamento. L’impegno di Urgesi nella Società contribuirà al consolidamento dell’integrazione dei temi dello sviluppo neurocognitivo e delle sue implicazioni per l’educazione nell’agenda delle neuroscienze cognitive italiane.

 

Condividi