Cervignano, cresce l’Emporio della Solidarietà

imagazine livio nonis

Livio Nonis

8 Aprile 2021
Reading Time: 2 minutes

Operativo dallo scorso autunno

Condividi

L’Emporio della Solidarietà di Cervignano del Friuli è frutto dell’intuizione della comunità parrocchiale cittadina che dopo l’inizio dell’emergenza sanitaria aveva visto crescere il numero delle famiglie che si rivolgevano alla Caritas parrocchiale in canonica per chiedere la borsa alimentare: a febbraio 2020, prima dell’inizio della crisi dovuta all’epidemia, erano 47 i nuclei familiari beneficiari degli aiuti alimentari della Caritas parrocchiale, che successivamente a giugno sono diventati 68.

Per questa ragione la Parrocchia di San Michele ha pensato bene di chiedere alla Caritas diocesana di Gorizia di promuovere la costituzione di un Emporio della Solidarietà: un metodo di distribuzione gratuita di generi alimentari organizzato come un supermercato in cui i beneficiari possono scegliere dagli scaffali gli alimenti che preferiscono.

Dal mese di ottobre 2020 l’Emporio di Cervignano è attivo e per accedervi bisogna rivolgersi al Centro di Ascolto della Caritas parrocchiale che ha il compito di verificare lo stato di povertà economica. Coloro che hanno diritto ad accedere all’Emporio ricevono una tessera della durata da 1 a 3 mesi su cui sono caricati dei punti che possono spendere per “acquistare” gratuitamente i prodotti presenti all’Emporio.

La Caritas diocesana di Gorizia, grazie alla collaborazione con la Parrocchia di Cervignano, ha trovato da subito il sostegno dell’Amministrazione comunale di Cervignano e di Credifriuli.

Già nei primi cinque mesi di attività si è registrato un incremento delle famiglie che vi si rivolgono: erano 51 a ottobre 2020 e sono 73 a febbraio 2021. In crescita anche il numero dei beneficiari totali, in altre parole i componenti dei nuclei familiari titolari della tessera dell’Emporio: erano 155 a ottobre 2020 e sono 222 a febbraio 2021.

I dati in oggetto sono stati forniti dal Referente Promozione Caritas e Volontariato e Referente Osservatorio delle Povertà e Risorse, Adalberto Chimera.

Condividi