Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Giornata speciale a Marano Lagunare

Attualità
20 ottobre 2019

Aiello, festa di classe per... due

di Livio Nonis
Rinnovata la tradizione delle annate 1958 e 1959: l'occasione per riunirsi e ritrovarsi
CONDIVIDI
31425
Giorgio, Lucia, Alida, Nicoletta, Marco, Loris, Luciano, Stefano, Franca ed Emanuela del '59 e Mauro, Brunella, Claudia, Tiziana B., Giuliano, Mirella e Tiziana M. del '58
Attualità
20 ottobre 2019 di Livio Nonis Image

Ad Aiello e Joannis secondo una tradizione consolidata i nati nel 1958 e nel 1959  festeggiano ogni anno e insieme la ricorrenza. Quando poi gli anni da festeggiare sono tondi c'è un reciproco scambio di  cortesie e di regali; lo scorso anno i neo sessantenni (1958) hanno invitato alla loro festa di classe i cinquantanovenni e quest'anno c'è stata la reciprocità dell'invito.

Grazie a un'organizzazione capillare, i neo sessantenni (1959) di Aiello e Joannis non hanno voluto trascurare nulla, concedendosi una giornata di “mare”. La festa di classe perciò ha avuto come meta la laguna di Marano: 17 coetanei si sono imbarcati sulla motonave Rosa dei Venti "di Geremia" e navigato per la laguna, specchio di mare delimitato da barene e canneti, fino a sconfinare in acque dolci.

Nel percorso si son potute vedere le bilance dei pescatori fino ad arrivare al Villaggio dei Casoni, con il comandante dell’imbarcazione che ha spiegato l'habitat, la flora e la fauna del luogo. Poi il pranzo, un momento conviviale molto atteso dove, specialmente per chi per anni si era perso di vista, c'è stato modo di fare una vera rimpatriata, ci si è raccontato tutto, lavoro, hobby ma specialmente di figli e nipoti, fino al taglio della torta a tema con la scritta “Mitico '59 – Er Mejo”.

Quindi il ritorno a casa con l’impegno di rinnovare questa amicizia di “classi” al motto “Gli anni passano, ma non ti toccano, anzi, ti migliorano! Giusto?” 

Commenti (0)
Comment