Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Riconoscimento per la Breast Unit

Attualità
10 maggio 2019

Trattamento patologia mammaria, Trieste centro di riferimento

di redazione (fonte ASUITS)
Un team di esperti europei ha certificato la qualità del lavoro svolto grazie alla professionalità delle diverse figure presenti
CONDIVIDI
29548
Attualità
10 maggio 2019 di redazione (fonte ASUITS)

La Breast Unit di Trieste (Unità Funzionale Interdipartimentale di Patologia Mammaria dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste) – già certificata prima in Regione FVG, dalla European Society of Breast Cancer Specialist (EUSOMA) nel giugno 2016 – ha visto confermata la qualità del lavoro svolto nel corso della visita di ricertificazione avvenuta gli scorsi 11 e 12 marzo. Un team di esperti europei (un chirurgo inglese, un’anatomopatologa italiana, un radiologo tedesco, un’infermiera olandese assieme ai team leaders della Società di Certificazione Italcert) è stato deputato a verificare la presenza di requisiti specifici attraverso l’analisi di indicatori relativi sia al volume di attività che al percorso diagnostico-terapeutico che vede la donna al centro di esso, dalla malattia iniziale sino alla fase avanzata del tumore della mammella.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel corso della visita alle diverse strutture afferenti alla Breast Unit sono stati verificati gli spazi, gli strumenti di lavoro, l’organizzazione dello stesso e l’applicazione degli standard qualitativi previsti a livello internazionale. La verifica della loro adeguatezza ha condotto alla riconferma della certificazione del centro comunicata ufficialmente il 29 aprile.

Il conseguimento di questo risultato si è reso possibile grazie a un lavoro di squadra che, nell’ottica di un approccio interdisciplinare, vede coinvolte figure professionali con diverse competenze mediche e delle professioni sanitarie quali radiologo, patologo, chirurgo senologo, chirurgo plastico, oncologo, medico nucleare, radioterapista, fisiatra, psicologo, infermiera, fisioterapista , tecnico di radiologia e radioterapia e data manager avvalendosi anche della consulenza della genetista e ginecologa afferenti all’IRCSS Burlo Garofolo.

Commenti (0)
Comment