Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Originaria di Jalmicco

Attualità
08 aprile 2019

Fiumicello festeggia i 104 anni di nonna Carolina

di Livio Nonis
Da piccola le esplose una bomba tra le mani. Oggi cuce ed esegue i lavori domestici. Il segreto? "Mangia poco e spesso. E bere acqua col miele"
CONDIVIDI
29159
Carolina Maiolini
Attualità
08 aprile 2019 di Livio Nonis Image

Non è riuscita a spegnere le candeline tutto di un fiato, umanamente era impossibile, ma dopo il secondo passaggio ha spento tutte le 104 candeline poste sulla torta.

Un genetliaco record quello di Carolina Maiolini che è nata il 3 aprile 1915 a Jalmicco. L'inizio della sua esistenza fu molto duro: quando aveva solamente due anni, durante la ritirata di Caporetto, si imbatté in un residuato bellico che sfortunatamente le scoppiò in mano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Portata all'ospedale da campo austriaco le vennero amputate le dita della mano destra; mamma e nonna non si persero d'animo e inventarono una protesi rudimentale, una specie di uncino che le permise però di svolgere ogni attività lavorativa. Infatti per tutta la vita ha lavorato nei campi da contadina, lavoro faticoso ma che faceva sempre con volontà e tenacia. Nel 1948 convogliò a nozze con Fiore Sgubin, nella chiesa della Madonne delle Grazie a Udine, quindi la famiglia si trasferì a Fiumicello dove sono nate due figlie, Elena e Alessandra.

Nel 1991 dopo 43 anni di vita assieme, Fiore mancò.

Dopo la meritata quiescenza Carolina non è mai stata con le mani in mano, nonostante il grave handicap ha continuato a lavorare a maglia e a uncinetto, e lo fa tutt'ora confezionando preziosi centrini, tendine, tutto quello che si può realizzare con ferri e filo, un po' per lei ma anche per i tanti parenti che mostrano con vanto questi piccoli capolavori. Ora per la cronaca sta realizzando uno scialle.

Noncurante delle 104 primavere, e nonostante una frattura al femore del 1991, è del tutto autosufficiente: si alza autonomamente e, sia pure con qualche piccolo aiuto della figlia, pulisce la cucina, scopa, lava i piatti, inoltre è lucida mentalmente…

Alla classica domanda su quale sia il segreto per arrivare a questa invidiabile età, Carolina ha risposto: “Vivere in modo sano, mangiare poco e spesso - lei frulla tutte le verdure, ndr - e bere acqua con aggiunto il miele”.

Chissà non sia quello l’elisir di lunga vita. Auguri Carolina, buon compleanno!

Commenti (0)
Comment