Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Sport
10 aprile 2017

Vela e Trieste, inizio stagione spettacolare

di redazione (fonte Ufficio stampa Barcolana)
Carlo Alberini conquista la prima regata adriatica dedicata alla classe J70, disputatasi a Portopiccolo: clima e location hanno reso speciale l'evento
CONDIVIDI
18855
(ph. Paolo Giovannini)
Sport
10 aprile 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Barcolana)

È andata a Carlo Alberini, al timone di Calvi Network, la Adriatic Cup, la prima regata adriatica dedicata alla classe J70, con 17 monotipi al via provenienti da Italia, Slovenia e Croazia.

L’evento, organizzato dalla Società Velica di Barcola e Grignano assieme a Yacht Club Portopiccolo e Diporto Nautico Sistiana, si è disputato a Portopiccolo (Sistiana), in due splendide giornate primaverili: vento da Sud Ovest che ha soffiato fino a 12 nodi e ha consentito di disputare cinque prove, due sabato e tre domenica.

Alberini, con tre primi, un secondo e un quinto posto, ha sottolineato la forma del suo team e l’ottimizzazione delle regolazioni a meno di un mese dall’avvio del circuito Alcatel. Seconda piazza per Gianfranco Noè su White Hawk (tre secondi, un primo e un settimo), che nella quarta prova disputata ha approfittato di un salto di vento per sorpassare al traguardo il diretto avversario.

Terza piazza per il triestino Furio Benussi (Yacht Club Portopiccolo) che con l’ingresso del computo dello scarto ha eliminato dal conteggio un decimo posto, chiudendo in classifica davanti ad Alessio Querin (Yacht Club Hannibal), quarto grazie alla vittoria dell’ultima prova disputata.
Elevato il livello dei regatanti, con imbarcazioni in fase di “warm up” rispetto all’avvio del circuito Alcatel J70, team affiatati in altre classi ma per la prima volta su questa imbarcazione, e giovani equipaggi in fase di rodaggio, come i ragazzi del Centro Velico Universitario, e quelli della scuola vela Utopia di Pavia.

Promosse le dieci barche della Legavela Servizi, gestite dalla Barcolana e affidate ad altrettanti equipaggi: la formula HBO, che permette ai team di arrivare alla location della regata e trovare tutto in assetto per l’evento è stata apprezzata dai velisti, che hanno potuto così focalizzarsi solo sulla regata. 

“Siamo estremamente contenti – ha dichiarato Dean Bassi, direttore sportivo Società Velica di Barcola e Grignano, che ha messo in acqua, per la prima volta, la flotta dei dieci J70 della Legavela Servizi – perché portare 17 monotipi J70 in Golfo, con equipaggi così blasonati, è un segnale molto positivo, che ci indica la direzione. Portopiccolo si è rivelata una location perfetta per questo tipo di eventi, garantendo sia grande ospitalità a terra sia perfette regate in mare”.

Leggi la classifica finale

Commenti (0)
Comment