Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Pomeriggi d'inverno

Cultura e Spettacolo
15 ottobre 2014

Teatro di figura, a Gorizia il meglio da Italia ed Europa

a cura della redazione
Sul palco del Kulturni Center Bratuž, tra gli altri, Gyula Molnar, Gigio Brunello, Matthias Trager, Mario Bianchi. Inizio il 15 novembre.
CONDIVIDI
7383
"La quinta stagione"
Cultura e Spettacolo
15 ottobre 2014 della redazione

Nove produzioni internazionali, per un palcoscenico in cui si avvicenderanno i protagonisti del teatro di figura italiano ed europeo: storiche realtà produttive, dal Teatro delle Briciole a Divadlo Piki, con gli artisti e gli autori di riferimento del settore, come Gyula Molnar, Gigio Brunello, Matthias Trager, Mario Bianchi. Dal 15 novembre al 14 marzo prossimi, al Kulturni Center Bratuž di Gorizia riflettori su Pomeriggi d’inverno, 16^ edizione: è l’unica stagione di Teatro di Figura del Friuli Venezia Giulia dedicata agli spettacoli che trovano comune denominatore nelle tecniche più varie legate al teatro d’animazione. Promosso dal CTA – Centro di Teatro d’Animazione e figure di Gorizia, il cartellone di Pomeriggi d’inverno è diretto da Roberto Piaggio e Antonella Caruzzi.  

Sarà un successo intramontabile del Duo Donati & Olesen, “Buonanotte Brivido” a siglare, sabato 15 novembre fuori abbonamento (alle 16.30, come per tutti gli spettacoli in calendario), l’inaugurazione della stagione. In scena, con Giorgio Donati e Jacob Olesen anche Ted Keijser: ad allestire una miscela esplosiva di comicità via etere: un radiodramma poliziesco dal quale si sprigiona una cascata di fantasie sonore e situazioni venate di surreale. “Siamo di fronte al trionfo della gag – scrive la critica - Della parodia e della schizofrenia. Lo spettacolo ne enumera una quantità incalcolabile, senza tregua. Risate? Chiamiamole boati”. Riuniti dal 1981 dopo aver frequentato la Scuola Internazionale di Jacques Lecoq a Parigi,, lo svedese Jacob Olesen, l’olandese Ted Kejiser e l’italiano Giorgio Donati hanno divertito il pubblico di mezzo mondo, partecipando a festival internazionali e a trasmissioni televisive e radiofoniche.

Si prosegue sabato 29 novembre con un altro classico internazionale, “Paskudarium”, un successo del Divadlo Piki (Repubblica Slovacca) per attori e pupazzi. Lo spettacolo è un divertente “percorso di rieducazione per bambini disobbedienti”, con macchine speciali ed esilaranti, costruite per studiare la disobbedienza infantile. Sabato 20 dicembre il testimone passerà al Teatro Città Murata con “La quinta stagione”, su testo di Mario Bianchi legato anche al tema della morte, un argomento ‘tabù’ negli spettacoli per ragazzi. In scena si materializza un viaggio pieno di rischi e di pericoli intorno all'amicizia e alla vita che dev’essere vissuta in tutti i suoi aspetti. Sabato 17 gennaio appuntamento con “Lumi dall’alto”, una novità firmata dagli autori più creativi e apprezzati del teatro di Figura italiano, Gyula Molnàr e Gigio Brunello. Questa volta la storia prende spunto da una vicenda realmente accaduta, un matrimonio simulato per fare felici i parenti rimasti in Albania. Gigio Brunello, protagonista in scena nella pièce, incarna in Italia un autonomo e autorevolissimo cammino all’interno del teatro di figura, per renderlo spettacolo teatrale a tutti gli effetti. Sabato 31 gennaio, in prima nazionale sarà la compagnia Tearticolo (Klotten - Germania) a proporre “Ubaldo, piccolo cavaliere sfortunato”, uno spettacolo d Matthias Träger: un piccolo viaggio nel Medioevo per attore, pupazzi, musica, utensili vari e una vecchia macchina da cucire. Il set ci riporta al tempo dei cavalieri coraggiosi che abitavano in meravigliosi castelli, mangiavano a tavole festosamente imbandite, vincevano draghi, liberavano principesse, e uscivano vincitori da ogni combattimento. 

Sabato 7 febbraio spazio a Teatro Gioco Vita, realtà storica del teatro italiano, di scena con “Il cielo degli orsi”, dall’opera di Dolf Verroen & Wolf Erlbruch.La pièce si compone di due storie e affronta temi delicati e profondi con tatto e leggerezza restituendo le difficoltà che tutti noi incontriamo quando cerchiamo risposte alle grandi domande della vita. Penultimo spettacolo, sabato 28 febbraio, nel segno della Cooperativa Thalassia: “Aspettando il vento”, vincitore del Festival di Teatro Ragazzi Festebà Ferrara 2013, è la terza prova d’autore di Luigi D'Elia, immersa completamente nella natura, scritta ancora con Francesco Niccolini e dedicata questa volta alla riserva di Torre Guaceto -  un ecosistema delicato tra la Murgia e il Salento – che è il luogo dove lavora il narratore pugliese con Thalassia teatro. Tutto ruota intorno a un tratto di costa libero e senza cemento dove i canneti più fitti, insieme a paludi e stagni nascosti, disegnano un paradiso di biodiversità per piante e specie animali. Sabato 7 marzo sarà la volta di “Brutta bestia”, firmata da Gyula Molnàr e Francesca Bettini una produzione del Teatro delle Briciole. Tema dello spettacolo è la rabbia: “un’emozione di cui tutti abbiamo esperienza quando ci sentiamo traditi, insultati, disprezzati e trattati in modo ingiusto”. In scena tre attori, chiamati a interpretare tanti personaggi: oltre al bambino e alla mamma ci sono infatti la formica, la macchina del tempo, la mano cattiva, il cane, l’albero, la foglia, il narratore. A suggellare Pomeriggi d’inverno 2014 – 2015 sarà, sabato 14 marzo, “Olivia paperina” testo, scene e figure di Francesco Tullio Altan, regia di Roberto Piaggio, con Elena De Tullio e Loris Dogana. Olivia Paperina è una piccola paperottola dai grandi occhioni che, appena uscita dall’uovo, va alla scoperta del mondo: del sole, del mare, dei colori, delle cose, e delle parole che alle cose danno un nome. L’accompagna nelle sue scoperte Carletto, un simpatico ranocchio tutto verde che le insegna a muoversi tra le piccole grandi meraviglie che Olivia incontra.

Pomeriggi d’inverno propone anche quest’anno, accanto agli spettacoli in cartellone, il progetto I colori del teatro, diventato a buon diritto la casa comune di tante scuole e di tutte le famiglie degli alunni coinvolti grazie ai ‘Pomeriggi a scuola’ che quest’anno saranno animati da sei produzioni: quattro targate CTA – “Cenerentola all’opera“, “Berta è scappata“, “L'oca dalle piume d'oro“ e “Piume“ - una a cura del CSS Teatro stabile di innovazione FVG, “La scatola dei giochi“, e infine una coproduzione, che per la prima volta impegnerà insieme CTA e CSS.  Cinque laboratori saranno collegati alla Stagione di teatro di Figura: per una full immersion di spettacolo e iniziative, verso l’attesa kermesse di Figureinfesta nell’aprile 2015: un “momento collettivo” di grande impatto emozionale in piazza Vittoria, da festeggiare insieme, alunni e insegnanti, ma anche famiglie e cittadini.

Prevendita e abbonamenti presso gli uffici CTA da mercoledì 22 ottobre. Info www.ctagorizia.it  

Commenti (0)
Comment