Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

La lunga notte delle Pievi in Carnia

(ph. Ufficio stampa D. Sartogo)
Tolmezzo
Inizio presso la Pieve di San Floriano a Illegio
19/09/15

Le antiche Pievi di Carnia, spettatrici silenti di secoli di storia e culle spirituali delle genti di montagna, si uniscono tutte sabato 19 settembre in un grande evento corale dal titolo: La lunga notte delle Pievi in Carnia. Un itinerario di dieci concerti sacri a cappella, uno ad ogni ora in una pieve diversa, dalle 14 nella Pieve di San Floriano ad Illegio fino alle 23 nella Pieve di San Pietro di Zuglio, con a seguire dopo ogni concerto una degustazione di pietanze e bevande locali.

Un’occasione per meditare all’ascolto di cori eccellenti tra le risonanze di pietre arcaiche, per assaporare i frutti della terra, un motivo per scoprire la bellezza delle vallate, il loro sapore ed il loro ricco patrimonio artistico e museale. Una rassegna ad ingresso gratuito che coniuga storia religiosa e popolare, musica corale ed enogastronomia, tutto in un giorno. La lunga notte delle Pievi in Carnia diventa così «un luogo di riflessione corale nei templi del sacro», come affermano gli organizzatori della rassegna ovvero il direttore del Coro del Friuli Venezia Giulia Cristiano Dell’Oste ed il musicologo Alessio Screm, per un appuntamento realizzato con il sostegno della Regione FVG, della Fondazione CRUP, della Comunità Montana della Carnia, di Eurotech Group, della SECAB e della Tipografia Moro, in collaborazione con l’USCI, i pievani ed il Comitato del Cammino delle Pievi della Carnia.

Un pellegrinaggio musicale che intreccia le strade della cultura e del turismo religioso, naturalistico e alimentare, con l’intento di arricchire l’offerta dei principali appuntamenti concomitanti del periodo, come La Festa della Mela ed il Premio letterario e cinematografico Leggimontagna, in programma sabato 19 e domenica 20 settembre a Tolmezzo.

I cori ospiti – tra cui anche il coro sloveno femminile Bodeca Neza di San Michele del carso -

 sono tutti di grande levatura e proporranno vari programmi vocali di musica sacra, dal gregoriano al contemporaneo, attraverso la polifonia rinascimentale, il barocco e le influenze classiche e romantiche nella musica a cappella. Gli ensemble invitati sono di diverso organico: virile, femminile e di voci bianche. Il tutto in sintonia con le peculiarità storico-architettoniche delle diverse pievi. Così le degustazioni, preparate da cuochi del territorio, saranno realizzate a km zero con prodotti locali. Un modo concreto per sostenere attraverso la cultura le attività produttive della montagna friulana. Ogni concerto sarà inoltre introdotto da una guida specializzata con una breve digressione sulla storia di ogni pieve. La lunga notte delle Pievi in Carnia diventa così un incontro fraterno in luoghi ancora puri da ammirare, proteggere e conservare nella meditazione collettiva e in una mensa comune.

 

Alle ore 14: Pieve di San Floriano ad Illegio, raggiungibile dopo un percorso a piedi di circa mezz’ora. Coro del Friuli Venezia Giulia, degustazione a cura de La buteghe di Pierute.

Alle ore 15: Pieve di Santa Maria Maddalena ad Invillino, Gruppo Vocale Città di San Vito, degustazione a cura dell’Osteria con cucina da Corrado.

Alle ore 16: Pieve di Santo Stefano a Cesclans, Gruppo Vocale Femminile Bodeča Neža di San Michele del Carso, degustazione a cura di Vini e Distillati di Paolo Rossi.

Alle ore 17: Pieve di Santa Maria di Gorto ad Ovaro, Coro Pueri Cantores del Duomo di Udine, degustazione a cura dell’Hotel Ristorante Aplis.

Alle ore 18: Pieve di Santa Maria Oltrebut di Caneva di Tolmezzo, Coro Femminile Multifariam di Ruda, degustazione a cura del Panificio Pasticceria Artigianale Lirussi di Paularo.

Alle ore 19: Pieve di San Martino a Villa di Verzegnis, Coro Vincenzo Ruffo Città di Cervignano, degustazione a cura dell’Antica Osteria Stella d’Oro.

Alle ore 20: Pieve di Santa Maria Annunziata a Castoia di Socchieve, Coro Peresson di Arta Terme, degustazione a cura dell’Osteria di Nonta.

Alle ore 21: Pieve dei Santi Ilario e Taziano di Enemonzo, Corale Portelli di Mariano del Friuli, degustazione a cura del Caseificio Val Tagliamento.

Alle ore 22: Pieve di Santa Maria del Rosario a Forni di Sotto, Coro Suaviter Ensemble di Mortegliano, degustazione a cura dell’Osteria con cucina La Poze.

Alle ore 23: Pieve di San Pietro a Zuglio, Coro Officium Consort di Pordenone, degustazione a cura de La Polse di Cougnes.