Studenti di Terzo a scuola di solidarietà

Reading Time: 2 minutes
Condividi

Gli allievi della primaria si sono confrontati con i volontari di Uomini Come Noi. Raccolti fondi in favore dei bimbi africani colpiti dal morbo di Burulì

Il dispensario di Kougouanou
Condividi

Il dispensario di Kougouanou

Si è rinnovata anche quest’anno la collaborazione tra la scuola primaria di Terzo di Aquileia e il gruppo di volontariato U.C.N. Uomini Come Noi della Parrocchia di Cervignano, per sensibilizzare i bambini al tema della solidarietà.

Alcuni volontari del gruppo, che opera da decenni per sostenere progetti solidali in Africa e nell’Est europeo, sono intervenuti a scuola con le classi quinte.

L’incontro si è sviluppato sul tema dei diritti umani e dell’importanza di garantirne il rispetto in ogni parte del mondo, che è lo scopo dell’attività di UCN.

In seguito, le insegnanti hanno approfondito il tema con gli alunni per “disseminare” l’argomento ai compagni delle altre classi, dando vita ad un’esperienza di service learning.

In un secondo incontro a scuola, le classi quarte sono state coinvolte in un’attività di laboratorio per preparare i gadget per la Giornata della Solidarietà, che si è svolta lo scorso 11 maggio presso il Parco scout di Cervignano, a conclusione dell’esperienza.

L’evento ha visto la partecipazione di un centinaio di bambini, accompagnati dalle famiglie e dagli insegnanti, con la presenza del sindaco di Terzo, del Dirigente scolastico e dai rappresentanti di Uomini Come Noi.

Con una libera offerta, i bambini hanno potuto cimentarsi in alcuni giochi organizzati dalle insegnanti, acquistare libri al banchetto predisposto dai volontari e partecipare ad una merenda conviviale preparata dai genitori.

Al termine, i bambini hanno scelto di devolvere il ricavato della giornata ai progetti che Ucn sostiene per il diritto alla salute, in particolare al dispensario di Kougouanou in Costa D’Avorio, dove operano le suore “della provvidenza” che si prendono cura delle bambine e bambini colpiti dal “Morbo o Ulcera di Buruli”, malattia poco conosciuta in Europa, che colpisce in particolare i bambini.

Il ricavato di 790 euro sarà devoluto alla onlus Solidarmondo delle suore della provvidenza, con sede a Remanzacco.

Visited 5 times, 1 visit(s) today