Sci ed eventi, Tarvisio protagonista del nuovo anno

imagazine_icona

redazione

15 Dicembre 2022
Reading Time: 4 minutes

Dalla fiaccolata di Capodanno sul Monte Lussari alle due discese libere di Coppa Europa: appuntamenti di livello sulle nevi friulane

Condividi

Si è svolta questa mattina a Udine presso il Palazzo della Regione la conferenza stampa di presentazione della cinquantesima edizione della “Fiaccolata del Monte Lussari” e delle due discese libere di Tarvisio valide per la Coppa Europa.

Alla presenza del sindaco di Tarvisio Renzo Zanette e del presidente della FISI Friuli Venezia Giulia, Maurizio Dunnhofer, l’US Camporosso ha presentato il programma di iniziative che tra le fine di dicembre e la prima metà di gennaio daranno lustro all’intero territorio del Tarvisiano.

Dopo due anni di pausa dovuti al Covid-19, domenica 1 gennaio torna la Fiaccolata del Monte Lussari, un evento che proprio nel 2023 celebrerà la sua cinquantesima edizione.

“Dopo due anni di attesa, la Fiaccolata del Lussari torna e lo fa nel modo migliore celebrando le sue nozze d’oro – ha esordito in apertura di conferenza stampa Damiano Matiz, presidente dell’US Camporosso – per celebrare al meglio questo importante anniversario abbiamo predisposto un ricco programma di eventi in preparazione alla Fiaccolata che si svolgeranno nelle giornate del 29 e 30 dicembre, mentre il 1 gennaio sarà come di consueto la giornata clou con tante iniziative che puntano alla valorizzazione del territorio ma anche al coinvolgimento dei più piccoli prima dell’attesa discesa del Lussari con le torce.”

Una tradizione iniziata più di 50 anni fa, quando un gruppo di amici decise di scendere lungo la pista Di Prampero, circa 3,5 km di lunghezza, vestiti con gli abiti della tradizione portando una fiaccola in mano. All’inizio erano in 20, oggi sono 250 i fedelissimi che ogni anno disegnano questo serpentone di fiaccole che per 45 minuti regala coreografie uniche per valligiani e turisti vicini e lontani.

Una vera e propria festa che come da tradizione non si limiterà unicamente alla fiaccolata ma che caratterizzerà l’intera giornata d’inizio anno e che trasformerà il piccolo centro storico di Camporosso nel luogo ideale per dare il benvenuto al nuovo anno.

Dieci giorni più tardi, più precisamente dal 10 al 13 gennaio, la pista Di Prampero sarà nuovamente grande protagonista ospitando i più giovani e promettenti discesisti del mondo impegnati in due discese libere valide per la Coppa Europa. Per il secondo anno consecutivo infatti, Damiano Matiz e tutto il team dell’US Camporosso sono riusciti a riportare il grande sci sull’unica pista al mondo dove il cancelletto di partenza è situato in prossimità di un vero e proprio borgo abitato.

Un impegno notevole per lo storico sci club del Tarvisiano che dopo due anni di gare cadette vorrebbe ora fare il grande salto, puntando al circuito di Coppa del Mondo, inserendosi inizialmente tra le località candidate ad ospitare i possibili recuperi delle discipline veloci e poi puntando all’inserimento in calendario.

“Lo scorso anno abbiamo volutamente spostato le gare di Coppa Europa da Sella Nevea al Lussari per il riportare il grande sci sulla pista simbolo della nostra Regione e abbiamo ottenuto molti pareri favorevoli. La Di Prampero si presta perfettamente ad ospitare gare di alto livello e lo spettacolare panorama che si può osservare dal cancelletto di partenza è un autentico biglietto da visita per questa discesa libera – ha spiegato Damiano Matizquest’anno grazie al prezioso contributo dei volontari dell’US Camporosso, dei tecnici di PromoTurismoFVG e al supporto della Regione Friuli Venezia Giulia, vogliamo fare un ulteriore salto di qualità per dimostrare alla Federazione Internazionale che noi siamo pronti ad ospitare gare di Coppa del Mondo. Siamo consapevoli che la concorrenza è alta, ma al tempo stesso siamo convinti che al momento non ci siano molte località disponibili ad ospitare prove di discesa libera che tra l’altro è la disciplina dello sci più complessa da organizzare”.

Per Tarvisio e per la Di Prampero non sarebbe la prima volta che il massimo circuito dello sci vi farebbe tappa. Come ha ricordato Paolo De Chiesa, ex azzurro della nazionale di sci e ora commentatore televisivo per Raisport, intervenuto con un video-saluto nel corso della conferenza stampa odierna, la pista del Lussari dal 2007 al 2011, ha infatti ospitato ben 9 gare del Circo Rosa regalando grandi soddisfazioni a campionesse del calibro di Lindsey Vonn, Maria Riesch, Tina Maze, Renate Goetschl e Julia Mancuso.

Dello stesso avviso anche il presidente della FISI Friuli Venezia Giulia, Maurizio Dunnhofer che ha aggiunto: “A nome del presidente della FISI Flavio Roda e in qualità di Presidente del Comitato Regionale porto i miei ringraziamenti all’US Camporosso per la dedizione con cui sta prepando l’evento di Coppa Europa. Già lo scorso anno il sodalizio friulano ha dimostrato alla Federazione Internazionale tutto il suo impegno nel garantire delle gare di altissimo livello su una pista dove non si gareggiava da molti anni. Sono convinto che questo progetto assieme al pieno coinvolgimento della Regione possa continuamente crescere nei prossimi anni e puntare decisamente in alto”.

Da segnalare anche la partnership strategica con lo Snow Rugby, storico evento che da anni anima il parterre d’arrivo della Di Prampero, che si svolgerà nelle giornate successive alle gare di Coppa Europa. I due organizzatori infatti, hanno fatto sistema, sostenendosi vicendevolmente nelle attività di comunicazione e di promozione.

Nel ventaglio di eventi collaterali merita una menzione anche il museo antiquarium con mostra permanente di reperti romani e la mostra di pittura dell’artista Lucia Forabosco organizzati dalla Vicinia di Camporosso, da sempre solido partner per le manifestazioni dell’US Camporosso.

 

Visited 7 times, 1 visit(s) today
Condividi