Monfalcone, nuovi servizi per i crocieristi

imagazine_icona

redazione

4 Aprile 2023
Reading Time: 2 minutes
Condividi

Intervento da 600mila euro per la tensostruttura di smistamento bagagli e accoglimento dei passeggeri. Stretta sinergia con le forze dell’ordine

Condividi

MONFALCONE – Monfalcone si conferma home port dal 14 maggio al 22 ottobre di quest’anno, con ulteriori miglioramenti nei servizi ai crocieristi via terra e un investimento di 600mila euro nella tensostruttura di accoglienza.

Questo quanto emerso dal tavolo convocato in Prefettura, alla presenza del Prefetto di Gorizia, Raffaele Ricciardi, del questore Paolo Gropuzzo, del sindaco di Monfalcone Anna Maria Cisint, dell’Autorità di Sistema e di tutte le forze dell’ordine coinvolte: Polizia Locale, Polizia Stradale, Guardia Costiera, Finanza di mare, Polizia di Frontiera, Arma dei Carabinieri, Vigili del Fuoco, Asugi, MSC, TTP e Dogana.

Confermati i fondi del “pacchetto Venezia”, “che l’Autorità di Sistema ha richiesto su Monfalcone per la valorizzazione delle infrastrutture necessarie al servizio crocieristico.

Sul servizio a terra, invece, entreranno in vigore ulteriori accorgimenti in materia di sicurezza, implementando quello che “si conferma un ottimo esempio di sinergia tra tutte le forze dell’ordine coinvolte”, ha sottolineato Massimo Soccol di MSC.

Investimenti anche nella tensostruttura di smistamento bagagli e accoglimento dei passeggeri, con l’obiettivo di migliorare il sistema di condizionamento dello spazio.

“La visione di Monfalcone hub crocieristico ha richiesto il superamento di complessi problemi che hanno trovato soluzione perché si è fatto sistema con l’autorità portuale e con tutti gli altri soggetti coinvolti. Per il sistema crocieristico italiano Monfalcone è una meta importante, sia perché è la sede dei cantieri dove si realizzano queste navi, sia per l’attrattività che può offrire un territorio che sta qualificando le opportunità. C’è il vantaggio della vicinanza con l’aeroporto ma anche del terminal dell’autostrada e della ferrovia. I dati ufficiali della Regione certificano 200mila presenze turistiche nell’anno, per questo stiamo lavorando sia per qualificare i servizi a terra, sia per una maggior promozione turistica in accordo anche con Promoturismo”, ha affermato il sindaco Cisint.

 

Visited 25 times, 1 visit(s) today