Mattarella annuncia visita a Gorizia

imagazine margherita reguitti

Margherita Reguitti

5 Ottobre 2016
Reading Time: 2 minutes

Appuntamento fissato per il 26 ottobre

Condividi

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sarà a Gorizia il 26 ottobre. L'annuncio della visita viene diffuso dal sindaco della città isontina Ettore Romoli, che aveva invitato Mattarella in estate, durante una sua missione romana in occasione del centenario della presa di Gorizia.

“Verrò nella sua città per testimoniare di persona la mia vicinanza a questo straordinario territorio”, furono le parole del Presidente, “salvo cause di forza maggiore”.

L'annuncio sorprende solo parzialmente Romoli: “Non mi aspettavo una visita in tempi così brevi, mi fa senz'altro piacere, sperando che non ci siano intoppi”.

Nel 2008 Giorgio Napolitano, giunto a Monfalcone per il centenario dei cantieri navali, aveva allungato la strada fino a Gorizia, aggiungendo una visita in Comune. Nel 2014 era ripassato in terra isontina e sul piazzale della Transalpina, simbolo della caduta del “muro di Gorizia”, a cavallo fra Italia e Slovenia, Gorizia e Nova Gorica, aveva incontrato l'omologo sloveno Borut Pahor, poi entrambi i presidenti erano saliti al santuario mariano di Sveta Gora-Monte Santo, in Slovenia per celebrare con un segno di pace i cento anni dalla Grande Guerra.

“La presenza del Capo dello Stato – dichiara Romoli – oltre a rendere più pregnanti le commemorazioni per il Centenario, rappresenterà anche l'occasione per mettere in evidenza come, in questo territorio, le città
sul confine siano riuscite, attraverso una forte collaborazione, a mandare in porto programmi, come il Gect, che rappresentano un vero modello in ambito europeo”.

Nelle intenzioni del primo cittadino vi è organizzare un grande incontro con i sindaci, le autorità dell'Isontino e gli imprenditori, ma anche i cittadini comuni. Ecco perché la location ideale sarà il teatro Verdi. I dettagli della visita, redatta dal cerimoniale del Quirinale, verranno diffusi appena possibile.

Condividi