Le meridiane di Aiello nella Laguna di Grado

Reading Time: 2 minutes

Installate sul casone dell’isola Mota Safon: donate dal Circolo culturale Navarca all’Associazione Graisani de Palù

Condividi
Il casone con le due meridiane

Il casone con le due meridiane

GRADO – Inaugurate due meridiane donate dal presidente del Circolo culturale Navarca di Aiello del Friuli, Aurelio Pantanali, all’Associazione Graisani de Palù di Grado.

Le meridiane sono state installate sul casone dell’isola Mota Safon, nella laguna di Grado, un luogo significativo per la storia del cinema italiano.

Pierpaolo Pasolini, infatti, girò qui alcune scene del film “Medea” nel 1969, con la celebre cantante lirica Maria Callas nel ruolo di attrice protagonista.

Da sinistra Pantanali, il commissario straordinario del Comune di Grado, Augusto Viola, e Giorgetto Guzzon, presidente dei Graisani de Palù
Da sinistra Pantanali, il commissario straordinario del Comune di Grado, Augusto Viola, e Giorgetto Guzzon, presidente dei Graisani de Palù

Le due meridiane hanno una peculiarità: una segna le “Ore della Serenissima”, legate al tramonto del sole e in uso nella penisola italica dal 1300 fino al 1797, anno in cui la Repubblica di Venezia cessò di esistere.

L’altra meridiana, invece, segna le “Ore degli Asburgo”, dove le 24 ore del giorno terminano alla mezzanotte, un metodo di conta delle ore ancora in vigore. L’inaugurazione delle meridiane è stata un’occasione per celebrare la storia e la cultura del territorio, nonché per ricordare il genio di Pasolini e la figura di Maria Callas.

Le due meridiane rappresentano un prezioso dono per l’Associazione Graisani e un’importante testimonianza del passato per le generazioni future.

Visited 115 times, 1 visit(s) today
Condividi