Inclusione e disabilità, a Gorizia in tandem… alla cieca

imagazine_icona

redazione

19 Settembre 2023
Reading Time: 2 minutes

Il capoluogo isontino tappa del progetto nazionale di sensibilizzazione partito oggi da Milano e che si concluderà a Lecce

Condividi

GORIZIA – Il tandem come simbolo di inclusione e di condivisione, in quanto unico mezzo di trasporto che permette anche a persone con varie disabilità di dare un contributo attivo nello spostamento e nel frattempo percepire tutto ciò che sta intorno o sotto le ruote.

Abbattere le barriere fisiche e mentali è proprio l’obiettivo de L’Italia in tandem…alla cieca!, progetto che ha preso il via oggi da Milano e che farà tappa a Gorizia sabato 30 settembre. Protagoniste sono le Ragazze in-tandem, ovvero cinque amiche, di cui tre non vedenti e due vedenti, che si sono avvicinate al mondo della bicicletta come passatempo fino a farlo diventare una vera e propria passione.

Con il suo tandem guidato da una delle “colleghe” del sodalizio, Giusi Parisi, 34 anni, cieca dalla prima infanzia, originaria della Puglia e residente a Milano, percorrerà tutta la penisola. Dopo aver provato diversi sport, tra cui baseball e scherma, Giusi ora si dedica principalmente a sport che permettono di stare più a contatto con la natura, come cicloturismo, subacquea, trekking, arrampicata e speleologia.

Insieme a una rappresentanza di ciclisti della Unione Ciclisti Caprivesi MtbTeam e di altri sodalizi locali, anche in tandem, il corteo partirà dalla piazza San Giorgio di Lucinico alle 11.30 per raggiungere la Transalpina.

Questo il percorso previsto nella tappa cittadina, in collaborazione con l’Unione Ciechi di Gorizia: via Brigata Re, viadotto Ragazzi del ’99, rotonda Divisione Gorizia, via Lungo Isonzo Argentina, rotonde di via Leoni e via Brigata Casale, via IX Agosto, corso Verdi, via del Seminario, via Carducci, via Silvio Pellico, piazzale Medaglie d’oro, via Monte Santo e via Caprin.

Dopo Gorizia il tour proseguirà verso Trieste e da lì alla volta di Lecce, percorrendo prevalentemente l’AIDA e la ciclovia Adriatica con qualche piccola deviazione.

Nella primavera 2024 sarà percorsa la costa opposta, partendo da Reggio Calabria e arrivando a Milano, percorrendo la Ciclovia dei Parchi, la via Silente e la via Francigena.

L’iniziativa ha ricevuto l’ambito patrocinio di FIAB, Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta. Molteplici gli obiettivi del progetto: sensibilizzare sul concetto di sport e inclusione, far comprendere quanto il tandem possa essere un mezzo inclusivo, abbattere tutte quelle barriere fisiche e mentali presenti nella nostra società, incontrare persone e associazioni per creare una rete di piloti e copiloti di tandem, spronare sempre più persone ad avvicinarsi al meraviglioso mondo del cicloturismo. In tandem si sperimenta uno spirito di squadra e una sinergia incredibili: non ci sono una guida e un passeggero, ma entrambi collaborano all’attività fisica e psichica.

 

Visited 15 times, 1 visit(s) today
Condividi