Impianti sportivi, nuovi contributi per la manutenzione ordinaria

imagazine_icona

redazione

19 Settembre 2023
Reading Time: 2 minutes

Per le associazioni e società sportive non professionistiche senza fine di lucro, proprietarie dell’impianto o titolari di concessione d’uso e di idoneo titolo autorizzativo a effettuare i lavori

Condividi

UDINE – Approvato da parte della Giunta regionale l’avviso pubblico che concede contributi da un minimo di 10mila a un massimo di 40mila euro per interventi di manutenzione ordinaria di impianti sportivi.

“La dotazione iniziale del bando è di 1,3 milioni di euro che ci riserviamo eventualmente di aumentare all’esito delle domande che riceveremo”, ha specificato il vicegovernatore con delega a Cultura e sport, Mario Anzil.

Le domande di contributo potranno essere inoltrate dalle 9 del 25 settembre alle 16 del 20 ottobre 2023, tramite il sistema informatico per la presentazione delle istanze on line, cui si accede dal sito istituzionale della Regione, nella sezione dedicata allo sport, dove sono consultabili anche il testo dell’avviso e la modulistica.
Beneficiari del bando sono le associazioni e società sportive non professionistiche senza fine di lucro, proprietarie dell’impianto sportivo oggetto di intervento o titolari di concessione d’uso e di idoneo titolo autorizzativo a effettuare i lavori. L’impianto deve avere sede in Friuli Venezia Giulia.

Sono finanziabili gli interventi finalizzati all’ordinaria manutenzione di autonomi impianti sportivi rivolti a una singola pratica sportiva o a un solo impianto sportivo rivolto ad una singola pratica sportiva all’interno di un polisportivo.

Il costo totale dell’intervento deve essere compreso tra 10mila e 40mila euro e deve essere indicato nella relazione tecnica descrittiva e nel quadro economico allegati alla domanda.

Il limite massimo di contributo regionale concedibile per ciascun beneficiario non può superare il 100% della spesa ammessa per un importo massimo di 40mila euro. Eventuali cofinanziamenti nella misura del 10% o del 20% dell’importo complessivo sono rilevanti al fine dell’attribuzione del punteggio.
Al termine dell’istruttoria, fissata in un massimo di novanta giorni, verrà stilata una graduatoria valida fino al 31 dicembre 2024.

I lavori devono concludersi entro dodici mesi dalla data di emissione del decreto di concessione del contributo.

Visited 9 times, 1 visit(s) today
Condividi