Il teatro a leggio riecheggia a Trieste

imagazine_icona

redazione

16 Ottobre 2023
Reading Time: 3 minutes

Tra gli interpreti molti attori della compagnia della Contrada ma anche giovani di talento. Si parte il 23 ottobre con un testo di Neil Simon, maestro della commedia di Broadway

Condividi

TRIESTE – A partire dal 23 ottobre e fino all’8 aprile, sempre di lunedì alle ore 18, ritorna il “Teatro a Leggio“, la rassegna organizzata dall’Associazione Amici della Contrada che si tiene regolarmente da 25 anni, al Teatro Orazio Bobbio. 

La nuova stagione propone autori di chiara fama del Novecento, italiani e stranieri, nell’intento di trovare il consueto connubio tra dramma e commedia, tra titoli noti e altri meno conosciuti.

Tra gli interpreti, molti attori della compagnia della Contrada ma anche giovani di talento e graditi ritorni, in primis la beniamina di casa Ariella Reggio, ma anche le neo presidente degli Amici della Contrada Elke Burul, Daniela Gattorno, Valentino Pagliei, Adriano GiraldiEnza De Rose, Giacomo Segulia, Zoe Pernici e Giovanni Boni.

«Per prima cosa – afferma Elke Burul, neoeletta presidente dell’Associazione Amici della Contrada – desidero ringraziare per l’immutato affetto che il nostro pubblico continua a dimostrarci e che ci spinge, di anno in anno, ad ampliare e migliorare le nostre proposte. Dopo tanti anni ho capito che il nostro è un pubblico molto esigente, ma è anche un pubblico attento e curioso. Per questo motivo quest’anno abbiamo voluto inserire autori sia classici sia contemporanei, cercando però testi forse meno conosciuti, che spero risulteranno una gradita sorpresa per i nostri soci. Opere che indagano i delicati rapporti che si instaurano tra anime sfaccettate e complesse dando vita alle più disparate vicende; abbiamo cercato di proporre punti di vista e stili molto diversi tra loro, drammi e commedie, sguardi più intimi e riflessioni su tematiche di più ampio respiro che risultano estremamente attuali».

La stagione di Teatro a Leggio prenderà il via il 23 ottobre con un testo di Neil Simon, maestro della commedia di Broadway, “A piedi nudi nel parco”. Due giovani sposi dopo la luna di miele fanno i conti con le loro personalità agli antipodi, una suocera e un vicino di casa invadenti.

Il 27 novembre sarà invece il momento di un testo teatrale di Italo Svevo “Inferiorità”. La commedia ha inizio con una burla architettata da due nobili ai danni di un borghese benestante: ma la farsa degenera, poiché lo scherzo coinvolge in prima persona il servo del borghese. 

Il 15 gennaio sarà la volta di “Cosa si sono perso!” di Aldo Nicolaj. Lea e Ivo si rivolgono all’ufficio Oggetti Smarriti perché hanno perso qualcosa di molto importante. Ma l’impiegata è indaffarata: infatti è stato perso qualcosa di interesse nazionale! 

Il 19 febbraio toccherà a “Dall’altra parte” di Ariel Dorfmann, per la regia di Elke Burul. Un testo potente e surreale in bilico tra realtà e metafora. Un marito e una moglie dopo una guerra estenuante si trovano separati nella loro stessa casa da un confine, controllati da una misteriosa guardia.  

Il 18 marzo è la volta di “La cosiddetta fidanzata”, un omaggio alla magnifica Franca Valeri. Fra Manlio, maturo ingegnere, e Derna, la sorella nubile, si inserisce la “cosiddetta fidanzata” di Manlio, fatto oltraggioso per la devota Derna. La donna si ribella, non potendo sopportare di vedersi soppiantata da un’estranea e ingaggia col fratello un duello verbale che forse la vedrà vincitrice.

A chiudere la stagione l’8 aprile “La signora Lowry e suo figlio” di Martyn Hesford con la straordinaria Ariella Reggio. In scena la relazione fra il pittore novecentesco L.S. Lowry e sua madre Elizabeth, donna autoritaria, depressa e costretta a letto. L’uomo trascorre le proprie giornate lavorando come esattore degli affitti, passando invece le serate a studiare arte, ignorando le continue critiche materne.

Rinnovi e nuove adesioni al Teatro Bobbio possono essere effettuati da lunedì a venerdì dalle 15.30 alle 18.30. È possibile tesserarsi anche nelle giornate delle letture di “Teatro a Leggìo”, dalle 16 alle 17 e on line sul sito www.contrada.it

 

Condividi