Il FVG conquista EXPO con interazione e coinvolgimento

imagazine_icona

redazione

7 Luglio 2015
Reading Time: 2 minutes
Condividi

Stand regionale attivo fino a giovedì

Condividi

La settimana del Friuli Venezia Giulia a Expo2015 continua con un ottimo afflusso di pubblico allo stand regionale: fin dalle prime ore di apertura, infatti, lo spazio è molto frequentato da visitatori attirati dal portale d’ingresso ricoperto di foglie di vite e da una riproduzione del mosaico di Aquileia oltre che, all’interno, da un video fortemente emozionale che incanta mostrando le bellezze locali, anche grazie all’utilizzo dei droni e delle riprese aeree.

Sono poi gli amanuensi della Scriptorium Foroiuliense di Ragogna, i mosaicisti della scuola di Spilimbergo e il personale dell’Immaginario Scientifico la vera anima dello spazio a rotazione della regione e coloro che stanno trasmettendo agli ospiti di Expo il tema della biodiversità. La particolarità dello spazio che si affaccia sul cardo, è proprio l’interazione con il pubblico, chiamato a giocare, coinvolto nella realizzazione di opere, interessato ai primati regionali.

“Stiamo continuando a riscontrare un forte interesse da parte di visitatori che – racconta Evelina Della Vedova, insegnante di mosaico e coordinatrice didattica della Scuola Mosaicisti di Spilimbergo – non si limitano a fare un rapido passaggio nello spazio, ma si fermano e interagiscono con noi sia per contribuire alla costruzione del mosaico sia per chiedere informazioni sulla scuola e sul territorio regionale”.

Positiva anche l’esperienza degli amanuensi, come spiega Ambra Gerussi, allieva della scuola: “Essendo collocati all’ingresso dello spazio, il pubblico è da subito attratto dal nostro tavolo da lavoro e moltissimi visitatori ci stanno facendo visita anche a seguito di un buon passaparola da parte di amici e conoscenti che nei giorni scorsi si sono portati a casa il loro nome scritto da noi. Particolarmente coinvolti dalla nostra attività sono i visitatori orientali”. 

“L’esperienza Expo – affermano Beatrice Filatico e Katja Mignozzi dell’Immaginario Scientifico che stanno raccontando al pubblico, soprattutto ai bimbi – sta proseguendo al di là delle aspettative. La nostra attività è stata pensata per coinvolgere i bambini, ma in realtà sta interessando anche moltissimi adulti che ci chiedono informazioni sull’innesto della vite e sulla produzione di Rauscedo. Abbiamo notato che lo spazio è frequentato da tantissimi parenti di emigranti del Friuli Venezia Giulia che desiderano conoscere meglio la loro terra d’origine e anche si emozionano davanti alle immagini del video promozionale del territorio”.

Lo spazio del Friuli Venezia Giulia all’Esposizione universale di Milano sarà aperto fino al 9 luglio.

Visited 3 times, 1 visit(s) today