Golf, la nuova frontiera del turismo

imagazine_icona

redazione

24 Ottobre 2014
Reading Time: 2 minutes

Salone internazionale sul Lago di Como

Condividi

La sinergia tra il gruppo Italy Golf & More, che riunisce in un progetto di sviluppo del turismo golfistico otto regioni italiane di cui il Friuli Venezia Giulia è capofila attraverso TurismoFVG, e la Federazione Italiana Golf, che rappresenta le regioni non ancora aderenti al progetto, ha riunito in maniera coordinata e organizzata tutta l’offerta golfistica nazionale per la 17a edizione dell’International Golf Travel Market, il più importante appuntamento del settore.

La manifestazione si tiene per la prima volta in Italia, a Villa Erba sul lago di Como dal 27 al 30 ottobre, e segna quest’anno numeri da record con oltre 500 rappresentanti di circoli e resort golfistici provenienti da 60 nazioni e oltre 360 tour operator specializzati.

Al Padiglione Italia partecipano 62 realtà nazionali, tra istituzioni, regioni, consorzi di circoli, golf resort e agenzie di incoming, che presenteranno l’offerta turistica del nostro golf nazionale. Per l’Italia è un’occasione particolarmente importante per farsi conoscere anche come meta di turismo golfistico, in aggiunta ai prodotti turistici noti e consolidati come l’arte, la moda, l’enogastronomia.

Il progetto Italy Golf & More, creato nel 2003 e diventato dal 2012 un Progetto di Eccellenza Turistica Nazionale, ha l’obiettivo di promuovere nel mondo l’Italia quale nuova grande destinazione golfistica con un prodotto unitario sotto il marchio tricolore. Negli anni passati Italy Golf & More, insieme alla Federazione Italiana Golf, ha già partecipato ai principali appuntamenti di settore in Europa, quali fiere e grandi tornei e nei prossimi mesi intensificherà la propria attività promozionale con un nuovo sito, con attività di web marketing e booking online, con una applicazione e social media dedicati.

Del progetto Italy Golf & More fanno attualmente parte Friuli Venezia Giulia (capofila del progetto), Emilia Romagna, Veneto, Sicilia, Puglia, Liguria, Lombardia e Lazio. 

Condividi