Disordini, la risposta di Mittelfest allo smarrimento

imagazine james nevati

James Nevati

15 Novembre 2023
Reading Time: 2 minutes

Presentato il tema della nuova edizione del festival. A maggio parte il progetto che nel prossimo biennio vedrà Mittelfest impegnato nella programmazione culturale di GO!2025

Condividi

UDINE – Il direttore artistico Giacomo Pedini ha svelato il tema dell’edizione 2024 di Mittelfest: Disordini. Una parola che suggella un percorso lungo un triennio, partito nel 2022, alla scoperta del rapporto tra l’essere umano e la sua libertà, con l’inaspettato, il destino, il caos e la responsabilità delle proprie scelte.

Accanto a lui la presidente di Mittelfest, Cristina Mattiussi, il vicepresidente e assessore regionale alla cultura, Mario Anzil, e il sindaco di Cividale del Friuli Daniela Bernardi.

L’appuntamento con i disordini per la 33ª edizione di Mittelfest è dal 19 al 28 luglio 2024, anticipata dalla 4 ª edizione di Mittelyoung che, eccezionalmente, andrà in scena dal 16 al 18 luglio in modo da non sovrapporsi con la progettualità artistica legata a GO!2025.

A maggio, infatti, prenderà il via il progetto speciale commissionato da Regione FVG, sostenuto da e per GO!2025, prodotto da Mittelfest con SNG Nova Gorica che continuerà nel prossimo biennio.

Si tratta di un progetto artistico che racconterà l’incontro tra le due anime dell’Europa, orientale ed occidentale, che sono state divise per lungo tempo e poi riunite, una trilogia di co-produzione italo-slovena che avrà un esito molto ampio, non solo in teatro.

A dicembre, tra circa un mese, si riaccendono i riflettori che, da quattro anni, Mittelfest punta sulla nuova generazione di artisti della Mitteleuropa: si aprirà infatti la open call internazionale di Mittelyoung 2024 per selezionare artisti e compagnie under 30 di 27 Paesi.

Da segnalare un nuovo ingresso nella squadra di Mittelfest in cui arriva come dramaturg Jacopo Giacomoni, vincitore della menzione “Franco Quadri” all’ultimo Premio Riccione per il teatro, Giacomoni si occuperà della produzione testuale del festival.

A breve saranno caricati tutti i materiali del 2023 su Mittelbabel.org, la piattaforma digitale ideata e curata da Roberto Canziani, che permette la libera fruizione in rete dei documenti di 30 anni di festival: testi, locandine, programmi, foto, video, liberamente consultabili da tutti.

 

Condividi