Da Campolongo a Castelmonte a piedi per Simone e Michele

Reading Time: 3 minutes
Condividi

Dopo la guarigione del figlio, per 27 anni il padre ha adempiuto al suo voto. Poi una grave malattia lo ha allettato. Il fratello e gli amici ne hanno preso il testimone

Condividi

I partecipanti al pellegrinaggio di quest’anno

CAMPOLONGO TAPOGLIANO – Ventisette anni fa, il piccolo Simone lottava contro un grave problema di salute.

I medici erano preoccupati per il suo futuro, ma il padre Michele non si arrese. Fece un voto: se suo figlio fosse guarito, ogni anno l’8 dicembre sarebbe salito a Castelmonte a piedi, partendo da Campolongo.

Simone guarì completamente e Michele mantenne la sua promessa.

Ogni anno, l’8 dicembre, alle 3 del mattino, partiva davanti al campanile di Campolongo per affrontare un’ardua camminata di 38 chilometri. Alla fine, alle 11, partecipava alla messa nel Santuario di Castelmonte.

Nel primo anno, Michele era con un amico. Ma con il tempo, altre persone si unirono a loro, formando un gruppo di pellegrini.

La prima edizione del pellegrinaggio

Una macchina di appoggio li seguiva, portando viveri e tè caldo per rinfrescarli e sostenerli durante il lungo viaggio; la camminata era faticosa, soprattutto gli ultimi chilometri.

Ma era anche un’esperienza gioiosa e gratificante, come vedere suo figlio crescere sano e forte.

Purtroppo, il destino ha colpito Michele con una grave malattia che lo ha costretto a letto, senza possibilità di guarigione. Ma il suo voto non è caduto nel dimenticatoio.

Il fratello Marco e altri famigliari hanno deciso di portarlo avanti.

Ora, la camminata verso Castelmonte ha un significato ancora più profondo.

Il gruppo di Campolongo davanti al Santuario di Castelmonte

I fratelli di Michele la compiono non solo per onorare la promessa del padre, ma anche per chiedere la salute di tutti, affinché nessuno debba soffrire come sta soffrendo Michele.

Anche quest’anno è stato rinnovato il “voto”: la camminata si è svolta il terzo sabato di giugno, in concomitanza con i compleanni di Simone e Michele.

Il percorso è sempre lo stesso: da Campolongo si giunge a San Giovanni al Natisone e poi si prosegue fino a Cividale. All’inizio delle rampe che portano al santuario, il gruppo di pellegrini è stato accolto dal neo sindaco di Campolongo Tapogliano, Gabriele Gragorat, che ha voluto condividere gli ultimi, impegnativi chilometri della salita.

Negli ultimi anni, il “voto” di Michele ha visto la partecipazione anche del Gruppo Alpini “Amelio Martin”, guidato dal capogruppo Stefano Lepre.

I volontari del gruppo preparano la pastasciutta per tutti, anche per chi non ha partecipato alla camminata. Le offerte raccolte durante l’evento vengono devolute dalla famiglia a favore di opere di solidarietà nel territorio, sostenendo persone o associazioni.

Visited 584 times, 29 visit(s) today