Corsa della Bora verso un’edizione da record

imagazine_icona

redazione

15 Dicembre 2022
Reading Time: 3 minutes

Il trailrunning invernale sarà aperto agli atleti di tutti i livelli dalla S1 Family 9km alla S1 Ultra 164 Km, con un percorso per metà transfrontaliero

Condividi

Torna dal 6 all’8 gennaio 2023 la Corsa della Bora: l’evento di punta del trailrunning invernale in Italia, organizzato dall’Asd SentieroUNO.

Migliaia di atleti da tutto il mondo si stanno già preparando a correre lungo i più bei sentieri del Carso italiano e sloveno e ancora una volta Trieste, il Friuli Venezia Giulia e numerosi comuni della Slovenia torneranno al centro del panorama podistico mondiale.

L’ottava edizione è stata presentata oggi al Civico Museo d’Arte Orientale di Trieste alla presenza del sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, dell’assessore comunale alla Cultura e allo Sport Giorgio Rossi, dell’assessore regionale alle Autonomie Locali Pierpaolo Roberti, del sindaco di Duino Aurisina / Devin Nabrežina Igor Gabrovec, della sindaca di Monrupino – Repentabor Tanja Kosmina, dell’assessore con delega allo sport del Comune di Sgonico – Zgonik Martina Budin, del presidente dell’Associazione Italiana Cultura e Sport Fvg Giorgio Mior, di Omar Fanciullo per Trieste Atletica e del presidente dell’Asd SentieroUno e direttore della Corsa della Bora Tommaso de Mottoni.

L’evento è sostenuto dalla Regione Fvg e Promoturismo, Aics e i Comuni di Trieste, Nova Gorica, Duino Aurisina – Devin Nabrežina, San Dorligo della Valle – Dolina, Sgonico – Zgonik, Monrupino – Repentabor. Un evento in collaborazione con Coni, Fidal, Trieste Atletica e Wwf.

Un evento che richiamerà in Friuli Venezia Giulia atleti da 42 nazioni, che quest’anno potranno scegliere tra sette distanze per tutti i gusti e livelli di preparazione. Un trionfo di inclusione dopo due anni di restrizioni imposte dalla pandemia con un’adesione senza precedenti, tanto che il record di 2.200 iscritti dell’edizione scorsa è stato ampiamente superato a un mese dalla gara.

Le sette distanze vanno dai 9 Km ai 164 km della gara “regina”, la S1 Ultra, che quest’anno partirà da piazza della Transalpina a Nova Gorica, con un percorso per il 50% transfrontaliero, che terminerà, come per tutte le gare, nella splendida finish line di Portopiccolo, nel comune di Duino Aurisina – Devin Nabrežina, con il Bora Village ampliato e potenziato per l’occasione. Da segnalare, tra le non competitive, la passeggiata inclusiva da 9 Km per le famiglie, tra gli antichi sentieri dei pescatori, con la strada Costiera pedonalizzata e l’apertura straordinaria delle Cave di Aurisina.

Grande ritorno della partenza in piazza Unità per la Ecomarathon da 42Km, dopo i due anni di restrizioni anti Covid, che hanno visto lo start da piazza Cavana. Altra partenza trionfale dal centro triestino per la S1 Urban da 29 Km, in cui gli atleti si ritroveranno sul Molo Audace, diretti verso Barcola e Opicina. Spettacolari anche le partenze della S1 Half 21 Km, da Monte Grisa, e della S1 Trail 57 Km da Basovizza, verso gli scenari più belli della Val Rosandra. La notturna S1 Night Trail, partirà da Sgonico/Zgonik la rocca di Monrupino/Repentabor illuminata guiderà gli atleti lungo il percorso. Percorsi pensati per valorizzare tutte le meraviglie nascoste dei Comuni carsici, dove gli atleti potranno correre in assoluta sicurezza, vista anche la stretta collaborazione con il Soccorso Alpino e Speleologico, che presidierà alcuni passaggi.

 

Condividi