Adunata Alpini, pronto il piano viabilità di Autovie

imagazine_icona

redazione

10 Maggio 2023
Reading Time: 3 minutes

Venerdì attese le maggiori criticità in auostrada quando l’arrivo degli alpini si sommerà al ritorno dei mezzi pesanti nei Paesi del Centro Est Europa. Ecco i percorsi alternativi

Condividi

UDINE – Come un vero e proprio esodo estivo. Autovie Venete si prepara ad accogliere l’arrivo a Udine degli alpini al pari di una giornata di punta di traffico estivo.

È di 500mila (tra penne nere, familiari e simpatizzanti) la stima delle persone che giungeranno nel capoluogo friulano in questo fine settimana. Un afflusso che impegnerà anche la Concessionaria nel rendere più agevole possibile i transiti lungo la rete autostradale di propria competenza, e non solo.  

LE PREVISIONI E GLI ITINERARI ALTERNATIVI 

Il piano scatterà nella giornata di giovedì. Si prevede, però, che i maggiori flussi di transiti si registreranno a partire da venerdì quando l’arrivo degli alpini si sommerà al ritorno dei mezzi pesanti nei Paesi del Centro Est Europa.

La situazione verrà monitorata anche sabato e domenica, quando, al termine della sfilata, le penne nere provenienti da ogni parte d’Italia faranno ritorno a casa.

Per far fronte a questo piano e farsi trovare pronti a ogni eventuale emergenza, Autovie Venete – di concerto con Autostrade per l’Italia – ha predisposto tre itinerari alternativi in caso di traffico particolarmente intenso, con destinazione finali gli hub dei parcheggi scambiatori posizionati alle porte della città.

I primi due itinerari prendono in considerazione un eventuale scenario di criticità sulla carreggiata est (da Venezia a Udine/Trieste). Il primo percorso prevede il reindirizzamento dei mezzi sulla A27 e quindi sulla A28 con uscita consigliata a Cimpello e direzione strada statale 13 “Pontebbana” fino all’hub di Pasian di Prato (Campo del Volo).

Il secondo percorso prevede l’uscita a Latisana con direzione strada provinciale 95 “Ferrata” e arrivo sempre a Pasian di Prato.

Il terzo itinerario considera un afflusso notevole lungo la direttrice ovest (da Trieste a Udine/Venezia). In questo caso l’uscita consigliata è Villesse/Gradisca d’Isonzo con direzione strade regionali 305 (Mariano) e 56 (Manzano-Buttrio) e arrivo all’hub Ziu/Partidor.  

RINFORZO AI CASELLI E TASK FORCE 

Gli eventuali reindirizzamenti prevedono un rinforzo di personale ai caselli più nevralgici a Latisana, Villesse e Cordignano, oltre che a Udine Sud (porta autostradale da e verso la città), Redipuglia (dove, al Sacrario, giovedì mattina è prevista da programma una visita degli alpini) e a Palmanova.

Ma la Concessionaria ha alzato i livelli dei servizi anche nelle altre unità coinvolte in prima linea nella gestione del traffico, ovvero il centro radio informativo, gli ausiliari alla viabilità, la manutenzione d’urgenza e gli impianti tecnologici. Allertata anche una ditta per la segnaletica stradale qualora fossero necessarie chiusure autostradali.

È stato, infine, predisposto un presidio di soccorso meccanico a Udine Nord (di concerto con Autostrade per l’Italia) e a Palmanova in vigore dalle 14 alle 22 di venerdì, dalle 10 alle 20 di sabato e dalle 8 alle 12 di domenica. Da Autovie è stato lanciato un invito ai gestori delle aree di servizi di implementare i servizi alla clientela nella tre giorni di eventi.    

Come sempre, Autovie invita gli utenti della strada a informarsi della situazione del traffico in tempo reale attraverso i pannelli a messaggio variabile, il sito www.infoviaggiando.it, la app infoviaggiando o telefonando al numero verde 800996099. 

 

Condividi