A piedi dalla Francia alla Palestina

imagazine livio nonis

Livio Nonis

3 Agosto 2022
Reading Time: 2 minutes
Condividi

L’avventura della famiglia Najmeddin

Condividi

Una piccola arca di Noè è transitata per Cervignano del Friuli: un papà, una mamma, quattro figli, un’asina, due cani, una gallina e anche un corvo.

Partiti nel settembre del 2021 dalla Francia centrale sono diretti in Palestina. Non si sono dati un tempo limite per arrivarci: due, tre, quattro anni, camminando in libertà senza impegno, senza prefissarsi scadenze temporali per arrivare alla meta, e soprattutto confidando nella solidarietà delle persone sul territorio.

Ieri si sono dovuti fermare a Muscoli di Cervignano a causa della rottura del timone del loro carro (prontamente riparato da persone solidali del luogo). Viaggiano con un carretto “fai da te” chiuso come fosse una piccola capanna che Nina, l’asina, durante il tragitto traina per i trasferimenti.

In bocca al lupo per questa grande impresa alla famiglia Najmeddin. Il papà Yousef e la mamma Matilde, lui palestinese lei francese, si sono conosciuti parlandosi in inglese, ma ora parlano ambedue l’italiano in modo impeccabile.

Al loro seguito i quattro bellissimi figli, Noon di 10 anni, Jood di 7, Ninawa, l’unica femminuccia, di 5 anni, e Jal di due anni e mezzo.

Con loro oltre all’asina anche i due cani Giafar e Amir, la gallina Giorgia e il corvo Lipo.

Yousef, che oggi ha la nazionalità francese, ha deciso di portare la propria famiglia a vedere la sua terra d'origine, lasciata nel 2010 per cercare fortuna nel cuore d'Europa insieme alla compagna conosciuta in Palestina, dove all'epoca la donna girava un documentario.

Hanno deciso di non praticare le strade principali per motivi di sicurezza. Oggi partiranno da Muscoli transiteranno per Aiello del Friuli, per dirigersi verso Jamiano, territorio colpito ultimamente dagli incendi, per poi entrare in Slovenia e continuare il viaggio per Croazia, Kosovo, Turchia e Siria. In attesa di arrivare alla loro meta, la Palestina.

“In bocca al lupo” per questa avventura, che può essere seguita sulla pagina Facebook Api di Carta.

 

 

 

Visited 11 times, 1 visit(s) today