Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Autoritratti

Il soprano Giulia Della Peruta accompagnata dal Cassander Ensemble
Monfalcone

14/05/21
19.30
Monfalcone
corso del Popolo 20
Monfalcone

Inaugurata nel segno di Beethoven, con l’eclettico Elio affiancato dai solisti dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, la Stagione di Musica del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, venerdì 14 maggio alle 19.30, con il raffinato Autoritratti, “Pierrot Lunaire” tra Schönberg e Kandinskij, in cui la pagina per voce ed ensemble di Arnold Schömberg si trasforma in una nuova forma artistica, al confine fra la performance audio-visiva e il teatro, che contamina il celebre ciclo del Pierrot, fra i capisaldi della storia della musica moderna, con le parole tratte dall’epistolario fra i due artisti e le rielaborazioni live electronics di alcune opere del pittore.

A mettere in scena questa innovativa performance sono il soprano Giulia Della Peruta, che si è esibita in numerosi ruoli nei più prestigiosi teatri d’opera italiani, e il Cassander Ensemble, giovane formazione da camera specializzata nell’esecuzione di musica del Novecento, che contamina il linguaggio musicale contemporaneo con altre forme di espressione artistica, utilizzando anche la musica elettronica e l’improvvisazione acustica e digitale.

Quando Vasilij Kandinskij presentò per primo al mondo il concetto di “astratto”, la ricezione del pubblico non fu positiva. Fu soprattutto l’incomprensione artistica ad avvicinare il pittore russo al padre della musica moderna, Arnold Schönberg, che a causa del suo allontanamento dall’armonia tonale aveva sofferto le stesse difficoltà di accettazione. Il celebre epistolario fra i due non è soltanto una raccolta di riflessioni sulle reciproche produzioni: è un messaggio per tutti gli artisti che si vogliono rivolgere al pubblico attraverso un’espressione contemporanea, di non immediata fruizione perché, semplicemente, nuova.