Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Visita ufficiale dell'assessore Riccardi

Attualità
28 dicembre 2020

Esiti rapidi per i tamponi, nuovo macchinario a Udine

 a cura della redazione
Riduce i tempi di attesa e consente la veloce messa on line dei referti
CONDIVIDI
La visita al Dipartimento di prevenzione di Asufc nel centro in cui vengono eseguiti i tamponi rapidi (ph. Regione FVG)
Attualità
28 dicembre 2020 della 
redazione

Ridurre i tempi di attesa, ricevendo online - nell'arco di qualche ora - l'esito del tampone effettuato.

È questa la novità introdotta dal nuovo macchinario "Point of care test" (Poct) che il Dipartimento di prevenzione dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale (Asufc) ha iniziato a sperimentare in questi giorni a Udine e che il vicegovernatore con delega alla salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Ricardi, ha visto all'opera nella giornata di oggi nel corso di una visita alla struttura friulana.

Accompagnato dal direttore generale di Asufc, Massimo Braganti, dal direttore del Dipartimento di prevenzione, Giorgio Brianti, dal direttore di servizio, Manlio Palei, e dal direttore socio sanitario di Asufc, Denis Caporale, l'esponente dell'Esecutivo ha potuto vedere da vicino il funzionamento della nuova apparecchiatura e apprezzare le modalità operative del personale impiegato nell'effettuazione dei tamponi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Il Poct - ha spiegato Riccardi - è uno strumento importante nel percorso della riduzione dei tempi di attesa e di inserimento dell'esito nella banca dati della Regione. Una volta che il personale ha eseguito il tampone, la processazione viene compiuta direttamente dall'apparecchiatura che invia l'esito alla microbiologia dove un medico valida il dato. Quest'ultimo poi passa direttamente nel sistema che raccoglie gli esiti di tutti i test eseguiti in regione (Sesamo) e al quale può accedere il cittadino per conoscere, nell'arco di qualche ora dall'effettuazione, il risultato del proprio tampone. Ciò permette non solo di velocizzare il processo di refertazione, ma soprattutto di ridurre i tempi legati all'inserimento dei valori nel sistema. A ciò si aggiunge l'altro elemento positivo che è quello di limitare i disagi alle persone che si sottopongono ai tamponi, cercando di dare risposte efficienti e veloci".

Commenti (0)