Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

La visione di Beng

Società
29 aprile 2020

Realtà virtuale per far conoscere i propri prodotti

di redazione (fonte Beng)
L'azienda friulana specializzata nella fanaleria di lusso anticipa il futuro all'epoca del Covid-19: "Soddisfare i clienti che non possono vedere e toccare progetti e prodotti"
CONDIVIDI
33790
Matteo Bearzi
Società
29 aprile 2020 di redazione (fonte Beng)

Le fiere, sin qui tra i principali contesti per far conoscere aziende e prodotti all’estero, che futuro potranno avere con la rivoluzione nei comportamenti imposti dall’epidemia da Coronavirus e dalle conseguenze che ha generato?

L’interrogativo se l’è posto Beng, l’azienda ad alta specializzazione nell’ambito della fanaleria per moto e auto di lusso, con sede a Tolmezzo, all’indomani dell’annullamento del Salone di Ginevra e di altre manifestazioni fieristiche, un must mondiale per ogni produttore legato al mondo dell’automotive.

«Avremmo dovuto essere presenti con nostre produzioni installate su alcune macchine di particolare pregio, con dettagli unici», spiega l’amministratore Matteo Bearzi. L’azienda, infatti, progetta, sviluppa e realizza dispositivi illuminanti semplici e complessi, attrezzature per la loro realizzazione, prototipi dedicati fino alla produzione di piccole serie complete e omologate per un mercato di nicchia.

Beng la risposta se l’è data subito dopo essersi posta la domanda e ha cominciato a organizzarsi di conseguenza. «Il distanziamento sociale cui ci costringerà ancora a lungo questo virus – premette Bearzi – mal si coniuga con gli eventi fieristici, che hanno per loro natura un’alta partecipazione di persone e implicano un contatto ravvicinato tra espositori e visitatori. Gli eventi fieristici come li abbiamo concepiti sin qui dovranno perciò per forza cambiare e la realtà virtuale potrebbe dare un buon contributo».

Secondo Bearzi, infatti, il proprio settore può essere ben raccontato, anche nei minimi dettagli, «con filmati che, grazie alla realtà virtuale, portano il cliente a vivere un’esperienza immersiva stando comodamente seduto nel salotto di casa».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questa maniera, continua l’imprenditore, «potremo continuare a salvaguardare l’importante funzione di marketing per l’export che gli eventi fieristici rappresentano e non subire i cambiamenti imposti dal Covid-19».

Questa trasformazione richiederà una capacità di raccontarsi anche da parte delle aziende. «Dovremo potenziare la presenza online, ma soprattutto essere online in maniera nuova, più esaustiva, in modo che i clienti possano restare completamente soddisfatti anche senza aver visto e toccato, in prima istanza, progetti e prodotti». Per questo Beng «si è già messa al lavoro, per utilizzare in modo rinnovato web e social network che già utilizzavamo», conclude l’imprenditore, convinto che proprio dalle piattaforme informatiche «possano nascere nuove opportunità di business a livello internazionale».

Commenti (0)
Comment