Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Bando annuale delle "Buone pratiche di cittadinanza attiva"

Società
03 febbraio 2020

L'integrazione è un gioco di squadra

di redazione (fonte OPI Trieste)
Il baskin dell'Interclub Muggia promosso dall'Ordine degli Infermieri. Venerdì la cerimonia di premiazione
CONDIVIDI
32647
Società
03 febbraio 2020 di redazione (fonte OPI Trieste)

Va all’Associazione Sportiva Dilettantistica Interclub Muggia la 7^ edizione del Bando per le Buone Pratiche di cittadinanza attiva promosso da OPI, Ordine delle Professioni Infermieristiche di Trieste: un riconoscimento rivolto ad Enti, Associazioni o altre realtà promotrici di progetti di supporto ai cittadini della provincia di Trieste, in ambito sanitario, socio-sanitario o sociale.

«Vogliamo essere accanto ai cittadini e attenti nel quotidiano alle necessità socio-sanitarie del nostro tempo – spiega il Presidente OPI Trieste, Flavio Paoletti –. La 7^ edizione del Bando ha voluto guardare a un progetto che stimola l’inserimento e l’inclusività anche nel tempo libero: fra le candidature pervenute ci ha colpito la pratica attiva del Baskin, un’attività sostenuta e promossa da Interclub Muggia, per la sua capacità di stimolare insieme l’aspetto ludico-motorio e quello psico-motorio, le abilità comunicative e quelle organizzative e di ruolo, favorendo il gioco di squadra e quindi l’inclusività di giocatori con varie topologie di disabilità». 

La premiazione è in programma venerdì 7 febbraio alle 17.15 nella Sala Xenia di Riva III Novembre, nell’ambito della prima Assemblea Generale 2020 di OPI, l’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Trieste che prenderà il via alle 14, e del successivo convegno dedicato a “Le Missed Nursing Care: cure perse e Sistemi Sanitari”.

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Interclub Muggia è nata nel 1968 e ha al suo attivo nove scudetti giovanili. Il Baskin è l’innovativa attività sportiva che si ispira al basket ma ha caratteristiche particolari ed innovative. Dieci regole ne governano il gioco conferendo caratteristiche ricche di dinamicità e imprevedibilità. Uno sport, quindi, che permette sia ai giovani normodotati che ai disabili di giocare nella stessa squadra, composta da ragazzi e ragazze.  Il Baskin mantiene gli obiettivi del basket, ma ne modifica le regole adattandole ai bisogni dei giocatori. Viene superato l'atteggiamento assistenziale verso i diversamente abili e ciascuno, nel suo, contribuisce in modo responsabile all'esito del gioco. Il progetto Baskin possiede uno staff organizzativo e professionale composto da esperti, clinici e psicologici, che operano attivamente, insieme ad infrastrutture speciali e costose, canestri adattati e altro materiale specifico, che potranno giovarsi del contributo messo a disposizione attraverso il Bando OPI per le Buone Pratiche. 

La menzione speciale della 7^ edizione è andata all'associazione Le Buone Pratiche ONLUS, che promuove modalità di azione concreta nel campo delle politiche sociali, per il progetto "Quando il silenzio non è d'oro" dedicato al mutismo selettivo come disturbo d'ansia sociale che riguarda principalmente i bambini e i soggetti in età evolutiva. Il progetto è finalizzato a migliorare la conoscenza del problema per una presa in carico globale, dalla diagnosi all'inclusione sociale e scolastica, attraverso la creazione di un percorso condiviso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le precedenti edizioni del Bando per le Buone Pratiche OPI sono andate nel 2013 alla onlus Scricciolo per le famiglie e i bambini nati prematuri, nel 2014 all’Associazione Stelle sulla Terra (2014) a sostegno dei bambini con dislessia, nel 2015 all’Associazione I Girasoli onlus per il reinserimento sociale delle persone disabili (2015), nel 2016 all’Associazione Il Buon Pastore per le persone con disagio psichico e le loro famiglie, nel 2017 alla Comunità di Sant'Egidio per il progetto di supporto ai cittadini e alle famiglie in difficoltà economica e nel 2018 alla onlus triestina “Oltre quella sedia”, di sostegno ai disabili e di sensibilizzazione culturale intorno alla disabilità fisica e intellettiva.

Info: www.opitrieste.it  tel 040 370122.

Commenti (0)
Comment