Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al via il festival internazionale

Cultura e Spettacolo
02 luglio 2019

Grado diventa l'isola del jazz

di redazione (fonte Euritmica)
In arrivo grandi nomi da tutto il mondo e il meglio della scena jazzistica regionale. Ecco il programma completo
CONDIVIDI
30267
Gonzalo Rubalcaba (© Anna Turay)
Cultura e Spettacolo
02 luglio 2019 di redazione (fonte Euritmica)

Mercoledì 3 luglio, alle 18.30, GradoJazz apre i battenti, sotto l'egida del festival internazionale Udin&Jazz – organizzato da Euritmica -  che quest'anno si cambia d'abito e sceglie l'isola d'oro per le sue performance.

Dopo i saluti delle Autorità, il primo concerto vede protagonista l'Orchestra Laboratorio 6.0 del Conservatorio "Giuseppe Tartini" di Trieste, frutto della collaborazione con la classe di Musica d'Insieme Jazz coordinata da Giovanni Maier. L’evento inaugurale si tiene al Bar 1, presso l'ingresso 1 della spiaggia ed è ad entrata libera.

Il festival, realizzato con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, di Promoturismo FVG  e dai Comuni di Grado, Palmanova, Marano Lagunare, Tricesimo, Cervignano del Friuli, prosegue con un omaggio al “Sabo Grando”, festività gradese. Il 6 luglio, a portare un saluto in musica, sarà la Bandakadabra, fanfara urbana di sette fiati e due percussioni che, in chiave festosamente jazz, balkan, swing, rallegrerà le vie del centro a partire dalle 18.

Sempre sabato 6 luglio, a Palmanova è in programma il concerto dei King Crimson, prima data nazionale del tour che celebra il loro cinquantesimo anno di musica: un evento speciale di GradoJazz by Udin&Jazz che si avvia verso il tutto esaurito, con quasi tremila biglietti venduti in tutto il Triveneto ma anche in Germania, Austria, Croazia e Slovenia.

Da domenica 7 luglio la scena musicale si trasferisce nuovamente a Grado, al Parco delle Rose Jazz Village, aperto tutte le sere dalle 19, dove sono previsti 3 concerti al giorno: alle 20, alle 21.30 e alle 23.30 e un’area interamente dedicata all’enogastronomia locale, con specialità di pesce e show cooking.

Tra i nomi eccellenti di questa edizione figurano: il trio di Paolo Fresu, icona del jazz italiano e mondiale (7 luglio, preceduto dal jazz tango del Quinteto Porteño), Amaro Freitas, il nuovo talento pianistico del jazz contemporaneo brasiliano e lo ska jazz party con la North East Ska* Jazz Orchestra (8 luglio, serata a ingresso libero), i vulcanici Licaones di Ottolini e Bearzatti, che si esibiranno prima del grande pianista cubano Gonzalo Rubalcaba con il suo trio, autentica stella del jazz mondiale (9 luglio), la Blues Night con Robben Ford, uno dei più grandi chitarristi del XX secolo, secondo “Musician”, preceduto dalla Jimi Barbiani Band (10 luglio) e la giornata finale, l’11 luglio, che prevede una vera "bomba" musicale, gli SNARKY PUPPY con la prima data italiana del loro "Immigrance Tour 2019". Il collettivo “underground”, fondato dal bassista Michael League, è tra i più acclamati della scena internazionale musicale; prima di loro, il groove africaneggiante di Maistah Aphrica. Per tutti questi doppi eventi è previsto un biglietto unico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo i due concerti principali al Parco delle Rose, le serate terminano in dolcezza, con il Jazz Club notturno delle 23.30: musica dal vivo & cocktail sotto la luna a due passi dal mare, con l’esibizione di quattro affermate formazioni della scena jazz regionale.

Tra i servizi offerti da GradoJazz by Udin&Jazz, la comodità di un jazzbus gratuito (basta acquistare un biglietto o un abbonamento del festival) che partirà alle 18 da Udine, Piazzale XXVI Luglio, nelle serate del 7, 9, 10 e 11 luglio e abbonamenti a prezzi vantaggiosi. Per gli studenti delle scuole di musica e dei conservatori è stata attivata una promozione speciale che prevede l’ingresso ai concerti di Paolo Fresu e Gonzalo Rubalcaba al prezzo simbolico di 1€ (prenotazioni a stampa@euritmica.it).

Commenti (0)
Comment